in

Draghi si pappa anche la Corte Costituzionale. Il blitz di Mattarella. Ecco l’assurda nomina

Pubblicato il 16/09/2022 10:01

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha scelto il sostituto di Giuliano Amato dopo il suo discusso addio. E chi è? Tanto per rendersi bene conto di qual è lo stato delle cose basti sapere che si tratti – guarda caso – del consigliere giuridico di Mario Draghi a Palazzo Chigi. È infatti lui a essere stato nominato nuovo giudice della Corte costituzionale. Come scrive Il Fatto Quotidiano, “è caduta su Marco D’Alberti la scelta di Sergio Mattarella, per sostituire Giuliano Amato alla Consulta. L’ex premier cessa dalle sue funzioni il prossimo 18 settembre. Il decreto di nomina è stato controfirmato dallo stesso Draghi, che si è avvalso della consulenza di D’Alberti fino a oggi”. (Continua a leggere dopo la foto)

Il neo giudice costituzionale “presterà giuramento martedì 20 settembre al Quirinale. Oltre a essere consigliere giuridico del premier, D’Alberti è anche componente del Consiglio Superiore della Banca d’Italia. Romano, 74 anni, dal 2019 professore emerito di diritto amministrativo all’università Sapienza di Roma, dove si era laureato negli anni Settanta. Nello stesso ateneo è stato assistente di Massimo Severo Giannini, poi è stato docente, dal 1978 al 1992, nelle Università di Camerino, Urbino, Ancona, alla Scuola superiore della pubblica amministrazione, alla Luiss”. (Continua a leggere dopo la foto)

Quindi è tornato alla Sapienza a Scienze Politiche (dal 1992 al 1997 e dal 2004 al 2007) e a Giurisprudenza (dal 2007 al 2018). “D’Alberti è membro dell’Académie internationale de droit comparé , del Board of Directors of the European Public Law Organization, e del Council of the International Society of Public Law. Una carriera quella universitaria che si è intrecciata con incarichi pubblici. Dal 1997 al 2004 è stato componente dell’Antitrust. Nel 2013 ha presieduto la Commissione per il Rilancio dei beni culturali e del turismo”. (Continua a leggere dopo la foto)

Nel triennio 2019-2022 D’Alberti ha presieduto il Consiglio Superiore per i Beni culturali e Paesaggistici. Ed è attualmente componente del Consiglio scientifico dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana. È solo un caso che la nomina sia caduta su un fedelissimo di Draghi? O è un altro indizio di quel che sarà dopo il 25 settembre? Ossia che si cambia tutto purché nullacambi?

Ti potrebbe interessare anche: “Destra o sinistra? Tutti uguali, sottomessi a Nato e Ue”. Paragone e Fusaro a valanga, bagno di folla nelle tappe del tour

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

La squadra Meloni è pronta: chi saranno i prossimi ministri (con la benedizione di Mario Draghi)

“Rincari, non è finita qui”: l’allarme degli esperti, ecco cosa succederà questo inverno