x

x

Vai al contenuto

“Costretti a chiudere dalle nuove regole Ue”. L’ennesimo negozio italiano ucciso dalla burocrazia europea

Pubblicato il 02/01/2024 12:47

Costretto a chiudere a causa delle regole di un’Unione Europea che ancora una volta si rivela nemica dei cittadini. Una storia tristissima, quella del Forno “Piacentini” di Frassinoro, paesino di 1700 abitanti al confine tra Toscana ed Emilia. Che ha dovuto abbassare definitivamente la saracinesca perché “adeguarsi alle normative imposte dall’Ue è impossibile”. Come spiegato da Nicola Porro, i problemi per il negozio sono iniziati nel momento in cui è stato richiesto di certificare l’impianto elettrico: morto l’elettricista che l’aveva realizzato, nessuno si è preso la briga di firmare alcunché. Così il sistema doveva essere rifatto daccapo, al pari degli spogliatoi e di un montacarichi per spostare il pane direttamente in negozio. Costo totale: circa 70mila euro, troppi. Gaia e Debora, le titolari, dovranno trovarsi un altro mestiere. (Continua a leggere dopo la foto)
Saldi invernali, la guida contro le truffe: tutti i consigli utili per evitare brutte sorprese

costretti a chiudere regole ue

Chiaro che la sicurezza sul lavoro sia fondamentale. Ma ci si chiede per quale motivo un’attività artigianale che da 43 anni va avanti con lo stesso impianto elettrico senza problemi dovrebbe essere costretta a chiudere per colpa di qualche scartoffia. “Abbiamo visto le leggi cambiare tante volte” hanno detto le titolari, che in passato si erano sempre adeguate. Stavolta, però, hanno alzato bandiera bianca. (Continua a leggere dopo la foto)

costretti a chiudere regole ue

Le normative Ue infatti pretendono un montacarichi, anche se per 43 anni il pane è stato portato in spalla uscendo dal laboratorio per pochi metri fino al piano superiore dove si trova il negozio. E soprattutto impongono uno spogliatoio anche se ai titolari, che fanno tutto in famiglia e abitano al portone di fianco, non serve a nulla. (Continua a leggere dopo la foto)

costretti a chiudere regole ue

Tanti utenti si sono indignati sui social, sottolineando quanto sia assurdo costringere un panificio che sopravvive a oltre mille metri sull’Appennino tosco-emiliano, servendo una platea di poche migliaia di persone, a dotarsi di montacarichi, spogliatoi o nuovi impianti elettrici. Regole che, alla fine, hanno portato alla chiusura definitiva.

Ti potrebbe interessare anche: “Il 2024 non inizia bene”. Meteo, l’annuncio di Sottocorona: cosa succede all’Italia (VIDEO)