in

“Informazione parziale. Perché mi invita se non mi fa parlare?”. Cacciari sbotta contro la Gruber

Nuovo botta e risposta a “Otto e mezzo” (La7) tra il filosofo Massimo Cacciari e la conduttrice della trasmissione, Lilli Gruber, sulle questioni inerenti il vaccino e il Green pass. Come ormai noto, le posizioni dell’ex sindaco di Venezia sono molto critiche. Cacciari accusa l’informazione mainstream di “parzialità” e da lì parte un serrato scontro: “Ci vuole un database sui vaccinati. Chi è che ci informa? Io mi sto informando navigando sul web dalla mattina alla sera. E ricevo decine e decine di messaggi da parte di immunologi e di scienziati che mi chiedono di parlarne in tv. Ma questo non è il mio mestiere”. (Continua a leggere dopo la foto)

In studio è presente anche l’ex sottosegretaria alla Salute, Sandra Zampa, che dissente e anima il dibattito: “Ma non è vero, tutte le sere c’è qualcuno che parla”. Cacciari ha un moto di stizza e interviene Lilli Gruber: “È vero che anche io non invito mai i no vax”. E il filosofo sbotta: “Ma non c’entrano niente i no vax. Ma basta! Io non sto parlando di no vax, ma di immunologi, come il professor emerito dell’Università di Nottingham, che è critico sul vaccinare i bambini”. Replica la giornalista: “Però stanno aumentando i contagi tra i bambini”. (Continua a leggere dopo la foto)

“Ma se vuole parlare lei, parli lei – insorge Cacciari – Perché mi invita? Mi ha fatto una domanda? Allora si risponda lei. Io sono tranquillissimo, sa? Mica ho bisogno di venire a La7. Se fa una domanda e si risponde lei, vada avanti così. Sono anche arcistufo di parlare di questo argomento e di questo nebbione del covid, dove non si parla più del Recovery Plan, dell’inflazione che riparte, dell’occupazione dei giovani, della scuola e dell’università”. (Continua a leggere dopo il video)

Luca Telese getta benzina suo fuoco: “A me dispiace che il professor Cacciari dia copertura intellettuale a uno stuolo di matti che non si vogliono vaccinare”. A quel punto il filosofo esplode: “Ma roba da matti. Basta, non parlo più. Bene, saluti. Ho finito. Io faccio il mio mestiere, che è quello di uno che pensa criticamente, che non va con la corrente, che non va coi luoghi comuni e col mainstream. So benissimo che il vaccino serve, ma ci sono tutti gli interrogativi e i dubbi che sono posti da me, come da molti altri scienziati tacitati. Punto. Dopodiché, fine dei giochi. Non discuto più sull’argomento”.

Ti potrebbe interessare anche: Paragone: “Gravissimo che demonizzino i genitori che non vaccinano i figli”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Speranza annuncia: “Dal primo dicembre terza dose per chi ha da 40 ai 60 anni”

“Inutilizzabili e pericolosi: sono da buttare”. Qual è l’ultimo disastro di Arcuri