Vai al contenuto

È tornato Bill Gates e vuole produrre “più vaccini”: il mostruoso conflitto d’interessi con l’Oms

Pubblicato il 22/03/2023 22:03 - Aggiornato il 24/05/2023 21:58

Francamente non se ne avvertiva la mancanza, eppure Bill Gates è tornato a pontificare ancora sul Covid, sui vaccini, sulle nuove pandemie che, secondo lui, rischiamo. Prima di addentrarci nella questione, ci teniamo a sottolineare che il fondatore di Microsoft non risulta essere né un medico, né un biologo né un ricercatore, anche se la diffusione dei vaccini è la mission principale della sua Bill&Melinda Gates Foundation. Ecco perché, l’approccio, dunque, non pare affatto disinteressato. Un conflitto d’interessi mastodontico e palese con la stessa Organizzazione mondiale della sanità, che approfondiremo più avanti nell’articolo. Intervistato dal New York Times, Gates è tornato a invocare sistemi di controllo internazionali per la prevenzione delle prossime pandemie e, va da sé, una ulteriore implementazione della diffusione dei vaccini. Per farlo, ha usato una metafora, che riprendiamo letteralmente da il Giornale: “Immaginate che ci sia un piccolo incendio nella vostra cucina. L’allarme antincendio scatta, avvertendo tutti i vicini del pericolo. Qualcuno chiama il 911, cercate di spegnere il fuoco da soli, magari con un estintore sotto il lavello. Se non funziona, sapete come evacuare in sicurezza. Quando arrivate fuori, un’autopompa sta già arrivando. I pompieri usano l’idrante di fronte a casa vostra per spegnere le fiamme prima che le abitazioni dei vostri vicini prendano fuoco”. Il messaggio è chiaro: dobbiamo prepararci a combattere le epidemie e le malattie infettive proprio come facciamo con gli incendi. I punti nodali delle sue proposte risultano due: anzitutto occorrerebbe “un sistema ben finanziato che sia pronto a scattare appena emerge il pericolo”, formato da un corpo di professionisti in ogni Paese; poi il suo chiodo fisso, i vaccini. “Preferirei spendere miliardi per i vaccini piuttosto che per viaggiare su Marte”, evidentemente alludendo ad altri due Masters of the universe, come li chiamano in America, ovvero Jeff Bezos ed Elon Musk. La considerazione più importante la fa lo stesso Mauro Indelicato, che firma l’articolo de Il Giornale: la Bill&Melinda Gates Foundation rappresenta l’ente privato più importante nella voce di bilancio dell’Organizzazione mondiale della sanità. Essa sola contribuisce a quasi il 10% dell’intero budget dell’Oms. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Fermate la vaccinazione!” Il clamoroso appello di un capo ricercatore dell’Iss: “Rischio tumori”

bill gates vaccini oms

Ecco perché parlavamo di approccio non proprio disinteressato. Il rischio – piuttosto evidente – è che il peso dei privati, e della fondazione di Bill Gates in particolare, possa dirottare (ulteriormente) l’Oms verso scelte più vicine agli interessi dei singoli donatori che non orientate alla salute pubblica. L’Oms è finanziata solo per il 15% dalle quote spettanti a ogni singolo Stato. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Nasce il primo Pronto soccorso a pagamento. Curarsi è un lusso

bill gates vaccini oms

Considerando anche le donazioni dei vari governi, quantifica il quotidiano milanese, solo la metà delle finanze che sostentano l’ente proviene dai vari governi.

Potrebbe interessarti anche: Due malori improvvisi in un giorno: infarto in classe per un 17enne (ilparagone.it)