in

Quarta dose, Bassetti ha già cambiato idea 3 volte: cosa diceva e cosa sostiene oggi

Pubblicato il 22/03/2022 09:05

Prima sì, poi no, poi sì. “Se qualcuno mi proponesse di fare la quarta dose prima di settembre-ottobre gli direi sicuramente di no, visto che ho fatto la terza a dicembre. Diciamo che la quarta va fatta a distanza di almeno sei-dodici mesi dalla terza dose”. E ancora: “Sicuramente credo che sia prematuro parlare di una quarta dose di vaccino anti-Covid per tutta la popolazione, per le persone sane che non hanno problemi”. E poi: “Ad oggi non ci siano dati così forti per giustificarla. Se dovessero emergere li valuteremo anche noi, ma per ora aspettiamo di avere qualche evidenza in più”. Così parlava, circa una settimana fa, il televirologo Matteo Bassetti. Poi che è successo? Improvvisamente ha cambiato idea. (Continua a leggere dopo la foto)

E così, intervistato da Primocanale, Bassetti afferma che “per la quarta dose vaccinale anti covid, escluse le categorie dei più fragili ai quali la somministrazione è già iniziata, bisognerà attendere il prossimo autunno, a cavallo tra i mesi di ottobre e novembre, quando il virus potrebbe tornare a colpire. Anche se non ci sono indicazioni ministeriali per il momento”. Quindi sarebbe già tutto pronto per una quarta dose. (Continua a leggere dopo la foto)

Il direttore del DIAR malattie infettive della Regione Liguria precisa: “A oggi nell’arco dei sei mesi dalla terza dose devono fare la quarta solo gli ultrafragili, gli immunodepressi, quindi per esempio quelli che fanno la terapia per un tumore, che hanno la leucemia o altre malattie del sangue, perché qui le loro difese scendono. Tutti gli altri – anche chi ha più di 65 anni, chi fa l’operatore sanitario ecc – faranno una dose di richiamo, ma è presto per dire andiamo a fare il richiamo. Bisogna aspettare prima di tutto il vaccino modificato che copra le varianti che non sarà disponibile prima della fine dell’estate”. (Continua a leggere dopo la foto)

In autunno faremo tutti la dose di richiamo? Bassetti risponde: “Probabilmente sì. D’altronde la dose di richiamo si fa prima del momento in cui il virus morde di più, ovvero in autunno e inverno, quindi tra ottobre e novembre faremo la dose di richiamo”.

Ti potrebbe interessare anche: Nadal: «È come avere un ago nel petto». Parigi-Nizza, boom di ritiri. Lo sport “si ammala”. Di cosa?

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Lucarelli e Scanzi all’attacco di Giletti. Ma lui replica e li asfalta

Il finto taglio della benzina: il decreto scomparso e la politica degli annunci