in

Portogallo, il presidente chiede alle banche di restituire i soldi dell’ultima crisi finanziaria

E se anche in Italia facessimo come in Portogallo? Il presidente Marcelo Rebelo de Sousa, infatti, ha affermato che le banche devono restituire al Paese i soldi dell’ultima crisi finanziaria. Ha detto che devono un contributo “molto importante” per gli anni dell’ultima crisi e adesso è il momento di restituire tale sostegno ai portoghesi. Il governo ha già decretato alcune misure durante lo stato di emergenza che riguardano le banche, tra cui una moratoria di sei mesi sui prestiti alle famiglie e alle imprese che hanno difficoltà a far fronte alle scadenze. Questa sembra un’iniziativa molto giusta e utile per i cittadini. L’Italia dovrebbe prendere esempio.

“Ogni portoghese ha contribuito a rendere vitali le banche. In questo momento, sapendo che le banche sono stabilizzate, è un’opportunità per ripagare i portoghesi”, ha detto ai giornalisti a Vila Franca da Xira, dove ha visitato un’azienda agricola. Il presidente portoghese ha ricordato che il sistema bancario deve “un contributo molto importante” al paese per la crisi e che per questo motivo ora debba entrare nella “corsa contro il tempo” causata dalla pandemia di coronavirus e i suoi effetti sociali ed economici.

“Un giorno dopo è peggio di un giorno prima. L’economia ha bisogno di soldi prima, le famiglie hanno bisogno di soldi quanto prima, i lavoratori devono lavorare presto, i salari prima ancora. Questa lotta appartiene anche alle banche”, ha difeso. Per questo motivo, come riporta lantiplomatico.it, lunedì prossimo terrà una videoconferenza con i presidenti delle cinque principali banche del paese – Caixa Geral de Depósito, BCP, Santander, Novo Banco e Banco BPI – per capire come il settore vede la situazione, le misure applicate dal governo e discutere il supporto che possono dare.

“È una corsa contro il tempo. L’intero paese si sta fermando per contenere il virus e un’altra parte sta producendo. Anche le banche devono partecipare”, ha insistito. Bravo presidente, e bravo Portogallo. Adesso staremo a vedere come reagiranno le banche…

Ti potrebbe interessare anche: L’Ue ha di fatto bloccato Schengen ma nessuno lo dice: crolla un altro pilastro dell’Europa

L’Ue ha di fatto bloccato Schengen ma nessuno lo dice: crolla un altro pilastro dell’Europa

Aiuti a sanità e aziende, Italia fanalino di coda