in

Anche la Grecia si ribella a obbligo vaccinale e Green Pass: proteste di massa come in Francia

Anche la Grecia dice no, forte e chiaro, agli obblighi vaccinali sul personale medico e paramedico e ai divieti per i non vaccinati di entrare nei locali pubblici. E così, proprio come accaduto in Francia dopo l’annuncio di Macron, anche in Grecia sono subito partite le proteste di massa. Il governo di Atene lunedì ha annunciano norme simili a quello francese per quanto riguarda l’obbligo vaccinale per il personale sanitario e il divieto ai non vaccinati di entrare in bar, ristoranti, istituzioni culturali e, in generale, luoghi pubblici. È la stessa formula che si sta pensando anche per l’Italia, con il Green Pass obbligatorio per accedere a determinati luoghi o servizi. (Continua a leggere dopo la foto)

Inoltre, in Grecia sono state aperte le vaccinazioni agli adolescenti. Quest’annuncio ha innescato immediatamente delle proteste da parte di chi non vuole vaccinarsi e da chi chiede garanzie e trasparenza prima di inoculare il vaccino agli adolescenti senza che ci siano abbastanza dati per supportarne l’efficacia. Anzi, da più parti gli esperti dicono che il rapporto rischi-benefici per i più piccoli è decisamente a vantaggio dei rischi, quindi meglio evitare. (Continua a leggere dopo la foto)

La Grecia e la Francia dunque alzano subito la voce. Si attende ora di capire cosa accadrà in Italia. Estendere l’obbligo del green pass per l’accesso ai mezzi di trasporto a lunga percorrenza (come aerei o treni: è una delle ipotesi che, secondo fonti di Governo riportate dall’Ansa, sarà valutata in occasione della cabina di regia, prevista lunedì o martedì prossimi. La misura ricorda il ‘certificato verde’ alla francese, con obbligo di vaccinazione per i viaggi a grande distanza, ma per il resto il ‘green pass Italia’ dovrebbe essere meno restrittivo di quello di Emmanuel Macron. (Continua a leggere dopo la foto)

Tra i provvedimenti ai quali pensa il governo su suggerimento dei tecnici c’è anche quello di riservare – almeno per alcune attività – l’utilizzo del green pass solo dopo aver fatto la seconda dose, in linea con l’Unione europea. Inoltre, nel ‘decreto emergenza’ del Governo previsto entro fine luglio dovrebbe essere prevista anche la proroga dello stato di emergenza, che al momento termina il 31 luglio. Due sono le ipotesi, al momento, della sua prossima scadenza: fine ottobre oppure fine dicembre.

Ti potrebbe interessare anche: Paragone: “Il governo non introdurrà l’obbligo vaccinale. Ma solo per evitarsi guai”

Ragazzi bloccati a Malta, mamma Simona in lacrime alla Farnesina: chiede di essere ricevuta

L’Università di Milano esclude e caccia i non-vaccinati dagli alloggi. Il Regime avanza