Vai al contenuto

Variante Delta, Gismondo: “Tornare alle chiusure sarebbe irragionevole”

Pubblicato il 09/07/2021 12:30

Mentre il partito del lockdown, sostenuto da tanti virologi, medici e politici fin dall’inizio della pandemia, continua a promettere passi indietro minacciosi e rispolvera parole come “chiusure” e “zona rossa”, c’è anche chi, per fortuna, prende invece posizioni nettamente diverse di fronte all’avanzata della variante Delta. Per Maria Rita Gismondo, direttrice del laboratorio di microbiologia clinica, virologia e diagnostica delle bio emergenze dell’ospedale Sacco di Milano, tornare alle vecchie restrizioni non avrebbe, per esempio, affatto senso.

Intervistata da Affari Italiani, Gismondo ha infatti spiegato: “È assolutamente impossibile fare oggi delle previsioni su quello che accadrà dopo l’estate. Primo perché non sappiamo come si comporterà il virus, secondo perché non conosciamo quali saranno le decisioni politiche”.

“Se si trattasse solo della variante Delta come la stiamo vedendo in questi giorni – ha precisato Gismondo – ovvero molti contagiati ma nessuno incremento di ricoveri e di decessi, sarebbe ragionevole non introdurre nuove chiusure. Il virus circola senza fare troppi danni, inutile inseguirlo e illudersi così di poterlo eliminare. Sarebbe una pura follia. E’ vero che più il virus circola più rischia di mutare, ma possiamo continuare con le chiusure l’annullamento della vita sociale ed economica? Credo proprio di no”.

Quanto ai vaccini, Gismondo ha spiegato: “Quello che sappiamo dai risultati scientifici, il resto sono soltanto delle ipotesi, è che per quanto riguarda la variante Delta il 30% della popolazione vaccinata non è coperta, ma se come sembra alla fine il virus è innocuo o quasi questi dati servono solo a preoccupare le persone. Bisogna controllare le mutazioni importanti del Covid, sapendo che continuerà a circolare. O facciamo una chiusura mondiale prolungata e totale, insostenibile, o dobbiamo abituarci a convivere con il virus adattando le strategie politiche”.

Ti potrebbe interessare anche: “La proroga dello stato d’emergenza?”, così Cassese distrugge Draghi e il governo