in

Si ammala di Covid dopo 3 dosi di vaccino e finisce intubata. La denuncia del marito

Pubblicato il 31/01/2022 08:45

Ci sono storie che l’informazione a senso unico non racconta. Tra stampa e tv non se ne trova traccia. Al telegiornale continuano a raccontare solo di chi – purtroppo – da non vaccinato finisce in terapia intensiva o, ancora peggio, al creatore. Ci sono però tantissime altre storie analoghe che riguardano proprio i vaccinati, addirittura quelli con tre dosi. Ed è infatti quello che è successo a una donna che ha sempre rispettato il distanziamento sociale, ha sempre indossato la mascherina e osservato tutte le precauzioni del caso ma che purtroppo da vaccinata con tre dosi si è ammalata di Covid ed è finita intubata in ospedale. (Continua a leggere dopo la foto)

La signora R. S. di San Marcellino – come racconta Caserta News – era incredula quando ha scoperto di essere positiva al virus ma ha subito sperato che essendo vaccinata non le fosse successo nulla. Del resto è quello che ha sentito dire costantemente in tv e dagli organi di governo, nonché da Draghi in persona. Ed invece è finita in quei ‘casi gravi’ di pazienti Covid che nonostante la dose ‘booster’ si ammalano in maniera grave tanto da richiedere il ricovero urgente in ospedale. (Continua a leggere dopo la foto)

“E non è solo questo – dice il marito della signora – perché mia moglie è stata anche intubata perché non riusciva a respirare autonomamente. Non vorrei pensarlo ma mi viene da dire che la forma grave di malattia sia proprio arrivata dalla terza vaccinazione. Stava bene, poi ecco la febbre che pensavamo fosse normale dopo la dose. Quindi anche i problemi respiratori che ci hanno costretto a richiedere l’intervento dei medici”. (Continua a leggere dopo la foto)

“A quel punto – conclude il marito – gli uomini del 118 hanno ritenuto necessario il trasporto urgente in ospedale ad Aversa e da lì poi il ricovero al Covid Hospital”. La donna, sulla sessantina, sta adesso lottando per la vita in una sala di terapia intensiva e la speranza è che possa presto tornare a casa tra l’affetto di tutti i propri familiari. Forse è il caso che il governo incominci a raccontarla tutta. Così come è il caso che anche l’informazione faccia la sua parte, basta omertà.

Ti potrebbe interessare anche: Celentano spiazza tutti: video-bomba contro i conduttori “oscurantisti” e il “pensiero dominante”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Il popolo insorge contro l’obbligo di vaccino. Il premier Trudeau fugge dalla città

Green pass, quarantene, mascherine: le nuove regole dal 1° febbraio