in

L’Ue fa flop e a pagare è il turismo italiano: per l’estate niente stranieri in arrivo

Il flop dell’Ue è clamoroso. Inutile dire che non servisse una pandemia per dimostrarlo, perché la cosa era palese già da tempo. Ma con la gestione dell’emergenza sanitaria e del piano vaccinale si è toccato il baratro. E ora tradiscono l’ennesima promessa, quella dell’immunità in estate che avrebbe permesso al turismo di riprendere e agli Stati di tornare lentamente alla normalità. Invece non sarà possibile, a causa della loro incompetenza. Un rapporto riservato – ripreso dal Messaggero – rivela che per l’Italia l’immunità al 30 giugno sarà appena al 57%. E ora si teme che l’incidente negli Usa su Johnson&Johnson possa frenare ulteriormente le consegne. (Continua a leggere dopo la foto)

Vaccinare il 70% degli europei entro luglio. Era questo l’obiettivo fissato da Thierry Breton, commissario Ue al Mercato interno e capo della task force sui vaccini. Tuttavia, un documento interno condiviso fra i rappresentanti degli Stati membri rivela che questo è poco più di un miraggio. Scrivono Francesco Malfetano e Gabriele Rosana su Il Messaggero: “Secondo le proiezioni contenute in una bozza circolata appena prima di Pasqua durante l’ultimo Coreper – la riunione a porte chiuse dei rappresentanti per-manenti dei governi a Bruxelles – e diffuse da Bloomberg, solo il 55% dei cittadini Ue sarà vaccinato entro giugno, cioè entro la fine del trimestre appena iniziato”. (Continua a leggere dopo la foto)

Ti potrebbe interessare anche: Boldrini: “La mia assistente mi prenotava la parrucchiera perché sono una donna single”

L’Italia è nel gruppo di mezzo, con una previsione del 57,14% di vaccinati. “A spiegare il divario fra i Paesi sono le scelte compiute da ciascun governo al momento del pre-acquisto delle dosi incluse nel pacchetto Ue (scelte – è bene ricordarlo – fatte prima dell’avvio della campagna vaccinale e prima che esplodesse il caos ritardi nelle forniture). Al centro del tavolo da cui poi è trapelato il dossier, c’era un tentativo di redistribuire 3 dei 10 milioni di dosi aggiuntive acquistate dalla Ue da Pfizer ai paesi più penalizzati. Un passaggio che, secondo il premier portoghese António Costa – presidente di turno del Consiglio Ue – consentirà di avere almeno il 45% degli adulti vaccinati entro giugno in ogni Stato dell’Ue. Insomma, un’ulteriore conferma, a conti fatti, che l’obiettivo 70% sotto il sole di luglio è, in realtà, un miraggio”. (Continua a leggere dopo la foto)

Ma l’Ue ora potrebbe anche dover fare i conti con un ulteriore stop. Non è infatti chiaro che ripercussioni possa avere in Europa l’incidente verificatosi negli Stati Uniti all’interno di un impianto di produzione di Johnson&Johnson. “Il dubbio che inizia a prendere piede è che quando ad inizio marzo, dopo la dichiarazione di una fonte anonima della Ue, si era parlato di ritardi nella consegna delle 55 milioni di dosi destinate all’Ue da J&J per il secondo trimestre, non ci si fosse affatto sbagliati”. L’Italia quindi è appesa all’incapacità del nostro governo e dell’Ue.

Ti potrebbe interessare anche: Boldrini: “La mia assistente mi prenotava la parrucchiera perché sono una donna single”

I lavoratori invitano a vedere “Svegliati amore mio” e l’Arcelor Mittal li punisce

Meno chiusure e meno morti: ora i dati danno ragione alla Svezia. Il modello vincente