in

Boldrini: “La mia assistente mi prenotava la parrucchiera perché sono una donna single”

Un esempio perfetto del detto “quando la toppa è peggiore del buco” è Laura Boldrini. Finita al centro di una brutta vicenda che la vede “colpevole” di aver avuto un pessimo comportamento con le sue collaboratrici, ogni giorno prova in qualche modo a fornire giustifazioni e non fa che peggiorare la sua posizione. Soprattutto agli occhi di quelle, e quelli, che la credevano davvero la paladina dei diritti delle donne, dei lavoratori e degli stranieri. Ecco, in un colpo solo lei è riuscita ad andare contro tutt’e tre le categorie. Quando martedì mattina Selvaggia Lucarelli ha pubblicato su Il fatto quotidiano le testimonianze delle due collaboratrici, nessuno ci credeva: “Laura Boldrini maltrattava la sua colf e le ex collaboratrici”, è il succo del discorso. (Continua a leggere dopo la foto)

A quanto pare le quote rosa, valorizzare le donne, i diritti dei lavoratori e tutti i suoi soliti toni propagandistici vanno bene solo finché tutto ciò non la riguarda. Infatti, quando si è trattato di pagare la colf moldava o rivedere lo stipendio della sua collaboratrice parlamentare, la Boldrini sembrerebbe aver avuto un atteggiamento non proprio da paladina. Nella sua nota di replica al Fatto quotidiano ha ovviamente smentito tutto. Ma la Lucarelli ha controreplicato smontando tutte le sue scuse e giustificazioni. Oggi, nuovo capitolo. (Continua a leggere dopo la foto)

Ti potrebbe interessare anche: Sciopero generale dei rider venerdì 26 marzo. La protesta per i loro diritti

La Repubblica la intervista. La Boldrini respinge ancora le accuse, parla di rapporti sereni, poi dà la colpa al Caf e tante altre giustificazioni. E dopo aver ammesso di essere una persona esigente, svicola sulla buccia di banana. Il giornalista chiede: “Rientra tra i compiti di un’assistente parlamentare prenotare il parrucchiere?”. E qui, la risposta è esilarante.

Boldrini: “Non accade solo a me, ma a tutte le persone che hanno agende complesse. Dispongono di persone di fiducia per simili incombenze. Un uomo può chiedere aiuto alla compagna, una donna sola no”. Lo ha detto davvero. (Continua a leggere dopo la foto)

Ti potrebbe interessare anche: Sciopero generale dei rider venerdì 26 marzo. La protesta per i loro diritti

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Sciopero generale dei rider venerdì 26 marzo. La protesta per i loro diritti

Dalla Germania: “Dante? Solo un arrivista copione. L’Italia non ha nulla da festeggiare”