in ,

Guerra alle porte dell’Italia. Mosca avverte: “Serbia pronta alle armi”

Pubblicato il 01/08/2022 08:07 - Aggiornato il 03/08/2022 13:46

Altissima tensione alle porte dell’Italia. La situazione al confine tra Kosovo e Serbia rischia di esplodere. Belgrado ha rinforzato i dispositivi militari alle frontiere con quello che – insieme alla Russia – si ostina a non riconoscere come uno Stato indipendente. La Forza militare internazionale (Kfor) di cui fa parte anche l’Italia ha invitato uomini a pattugliare le strade nell’area: “Monitoriamo la situazione”. Come riporta Repubblica, “ieri, in tarda serata, sirene e campane di chiese e monasteri hanno suonato nella città di Kosovska Mitrovica, nel Kosovo settentrionale, una delle aree più calde del conflitto mai del tutto sopito tra kosovari e serbi. Al centro della rinnovata tensione c’è una questione solo apparentemente marginale: le targhe delle auto”. (Continua a leggere dopo la foto)

Quattordici anni dopo la dichiarazione di indipendenza del Kosovo dalla Serbia, circa 50.000 serbi che vivono nel Nord utilizzano targhe e documenti rilasciati dalle autorità di Belgrado rifiutandosi di riconoscere le istituzioni di Pristina. “Ma da oggi entreranno in vigore le nuove misure varate dalla capitale kosovara che che obbligano tutti, compresi i serbi del Kosovo, ad avere carte d’identità e targhe omologate. Il presidente serbo Aleksandar Vucic, parlando alla nazione, ha affermato: ‘I serbi del Kosovo non tollereranno altre persecuzioni. Cercheremo la pace, ma lasciatemi dire che non ci arrenderemo. La Serbia non è un Paese che si può sconfiggere facilmente come lo era ai tempi di Milosevic’. Vucic è poi andato nella sede dello Stato maggiore delle forze armate del suo Paese per seguire la situazione e ha detto di non escludere ‘un attacco kosovaro'”. Dietro tutto questo si muove anche la Russia. (Continua a leggere dopo la foto)

“Pristina sa che i serbi non rimarranno indifferenti quando si tratta di un attacco diretto alle loro libertà, e si prepareranno a uno scenario militare”, ha affermato la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova in una nota diffusa dall’agenzia di stampa russa Tass. Zakharova ha anche sottolineato che un tale sviluppo degli eventi è un’altra prova del fallimento della missione di mediazione dell’Ue. Il premier del Kosovo, Albin Kurti, ha accusato gruppi serbi “fuori legge” di aver aperto il fuoco contro la polizia kosovara al confine con la Serbia. (Continua a leggere dopo la foto)

Si legge ancora su Repubblica: “Nel pomeriggio manifestanti si sono radunati nelle strade del Paese per protestare contro la nuova legge su targhe e carte d’identità e ci sarebbero stati spari contro gli agenti, ma senza feriti. La tensione tra i due Paesi è ora ai massimi livelli da anni. La fragile pace è monitorata da una missione della Nato con 3.770 soldati. Nel 2013 i due Paesi si sono impegnati in un dialogo sponsorizzato dall’Ue per cercare di risolvere le questioni in sospeso, ma sono stati fatti pochi progressi”.

Ti potrebbe interessare anche: Aveva ragione Montagnier: l’ultimo studio che conferma le tesi del premio Nobel sull’immunità. È terremoto

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

“Saremo molto pericolosi!” Terremoto nello studio di Controcorrente. La profezia di Paragone

“Biden ha il Covid? No, ecco la sua vera malattia”. Trump e la “rivelazione” choc sul presidente Usa