in ,

Risparmiatori traditi due volte, 18 mesi di promesse. E intanto sparisce mezzo miliardo

Una presa in giro che sembra non avere fine. I risparmiatori traditi, ex soci di Veneto Banca, Popolare di Vicenza, Etruria, Marche, Carife, Carichieti e alcune Bcc, non hanno ancora preso un euro dal Fir, il Fondo indennizzi risparmiatori varato due anni fa. Eppure a sentir parlare Di Maio, durante la trasmissione Dimartedì (La7), i rimborsi ai truffati dalle banche sono da annoverare tra “i risultati raggiunti”.

La questione è tutt’altro che risolta. In una nota del servizio bilancio del Senato, a pagina 52, riferisce il Fatto Quotidiano, risulta che “nello stato di previsione del ministero di economia, non sono stanziati oltre 1,5 miliardi, ma 523 milioni per ciascuno degli anni, 2020 e 2021”. La cifra necessaria resta “1 miliardo 575 milioni”, dove è finito l’altro mezzo miliardo?

Cade dalle nuvole Villarosa, sottosegretario al ministero dell’Economia, il quale -riferisce il quotidiano- si limita a “chiedere informazioni agli uffici”, come se al governo non ci fosse lui ma qualcun altro. Vien da pensare che o non sappiano fare i conti al ministero delle Economie e Finanze oppure che sia stato messo “a bilancio un ammontare inferiore perchè si stima che verrà speso meno”.

Oramai è da 18 mesi che i risparmiatori aspettano, tra false promesse propagandistiche e continue posticipazioni. “Abbiamo fatto tutto quello che c’era da fare, possiamo solo sollecitare la parte tecnica”, dichiara Villarosa. Nel frattempo Consap registra 144.245 domande, per un ammontare di 29 miliardi, cifra “palesemente irrealistica” che secondo il sottosegretario al ministero dell’Economia è dovuta “agli errori commessi dai cittadini nell’indicare le cifre”. 

C’è chi tra i Risparmiatori traditi, come Milena Zaggia, non ci crede più e definisce senza mezzi termini il Fir, il famoso fondo indennizzi risparmiatori, come un “fondo inchiappettamento”. Nulla di nuovo sotto il cielo del governo di Promettopoli, ma le Regionali sono vicine e presto gli sarà presentato il conto.

Riparte la scuola: da nord a sud, cimiteri di banchi. Lo spreco di Azzolina

Ecco come, per scelta del governo, sarà più facile spiare nei nostri conti correnti