in

Non solo Draghi: per il Quirinale spunta un nuovo nome a sorpresa

La corsa al Quirinale adesso è entrata davvero nel vivo. E come sempre, Marco Antonellis rivela qualche succulenta pillola sui retroscena che stanno andando in scena nei Palazzi. Si legge su Tpi che c’è un altro nome, oltre al favoritissimo Draghi, che sta prendendo quota. “In queste giornate di scambi di auguri, trapela anche il ‘sentiment’ di deep state e grandi elettori in vista della grande battaglia per il Quirinale. Al momento viene dato in forte ascesa Mario Draghi, con il 40% di possibilità di essere eletto”. Poi la sorpresa: “Gianni Letta è al 20%”. (Continua a leggere dopo la foto)

Giuliano Amato è invece in forte discesa (viene dato al massimo con il 15% di possibilità di farcela) così come anche Silvio Berlusconi (10%) che vede ogni giorno che passa sfuggirgli di mano la possibilità che sia lui a succedere a Sergio Mattarella. “In ribasso anche le quotazioni di Pierferdinando Casini (10%). Fuori dai giochi ogni possibile nome femminile, a cominciare da quello di Marta Cartabia (5%). Ma siamo soltanto agli inizi del ‘great game’, le cose possono ancora cambiare. Intanto, a quanto si apprende, subito dopo la chiusura del discorso di fine anno, c’è stata una calorosissima telefonata tra il Presidente del Consiglio Mario Draghi e il Capo dello Stato Sergio Mattarella”. (Continua a leggere dopo la foto)

È stato il presidente del consiglio a chiamare per complimentarsi. “Successivamente, alle 23, è arrivata anche la nota ufficiale di palazzo Chigi: ‘Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ringrazia il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per l’invito all’unità nazionale, alla solidarietà, al patriottismo. Sono parole che toccano il cuore di tutti i cittadini. È il miglior augurio di buon anno per l’Italia’. Chi invece non ne ha voluto sapere di commentare il discorso di commiato del Capo dello Stato è stato Silvio Berlusconi. Per alcuni è la riprova che il leader di Forza Italia continua a sognare il Colle. Tanto che avrebbe deciso di non commentare il discorso di fine anno di Sergio Mattarella, pur di evitare strumentalizzazioni e interpretazioni sbagliate”. (Continua a leggere dopo la foto)

Conclude Antonellis: “Secondo fonti molto autorevoli, invece, Berlusconi è rimasto totalmente spiazzato dal discorso del Capo dello Stato. Soprattutto laddove ha tracciato l’identikit del futuro presidente della Repubblica ribadendo la necessità che sia super partes, ‘spogliandosi di ogni precedente appartenenza per farsi carico solo del bene comune’. Parole che ad Arcore sono suonate come un de profundis per chi come Berlusconi è stato ed è tutt’ora leader di un partito politico. Da qui la scelta del silenzio”. Il Quirinale aspetta.

Ti potrebbe interessare anche: “Paragone in vetta”: la classifica ufficiale che incorona il leader di Italexit campione dei social

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Sondaggi, il partito dei No Green pass sfonda quota 30%

“Non c’è più libertà di scelta”: la rabbia di un big della Serie A, costretto al vaccino