x

x

Vai al contenuto

“Possibile un legame con il vaccino”. La scoperta choc dei ricercatori: un nuovo, preoccupante effetto collaterale

Pubblicato il 14/11/2022 13:30 - Aggiornato il 14/11/2022 15:32

Tra gli effetti collaterali dei vaccini anti-Covid potrebbe esserci anche l’afasia, un disturbo del linguaggio che può compromettere la naturale capacità di esprimersi. A ipotizzarlo è uno studio pubblicato su PubMed a firma di Josef Finsterer e Maria Korn, secondo il quale il possibile rischio sarebbe legato soprattutto alla seconda dose del vaccino a mRna, dunque farmaci come il Comirnaty di Pfizer-BioNTech e Spikevax di Moderna. Gli autori hanno citato il caso di un uomo di 52 anni che avrebbe sviluppato, secondo quanto riportato, un’improvvisa difficoltà a leggere e afasia sette giorni dopo la seconda dose di uno dei vaccini ad mRna contro il coronavirus Sars-CoV-2. Il paziente aveva una storia pregressa di infarto miocardico, ipertensione, iperlipidemia e calcoli renali. (Continua a leggere dopo la foto)

Una volta in ospedale, i medici avrebbero riscontrato pressione sanguigna leggermente alta. Dagli esami del sangue sarebbe poi emerso un livello piuttosto elevato di D-Dimero (un prodotto della degradazione dei coaguli, ovvero dei trombi, dell’organismo), prediabete e iperuricemia. Una risonanza magnetica dell’encefalo avrebbe infine rivelato una emorragia cerebrale al lobo temporale sinistro. (Continua a leggere dopo la foto)

Secondo i ricercatori l’afasia si sarebbe poi completamente risolta, con i livelli di pressione arteriosa tornati normali durante il periodo in ospedale. Nello studio, riportato anche dalla Gazzetta dello Sport, è stato evidenziato come “un legame tra l’emorragia cerebrale e la vaccinazione, sottolineano gli autori dello studio, resta ad ora una ipotesi ma non può essere definitivamente esclusa. In conclusione, una seconda dose di vaccino a mRna contro il Covid potrebbe essere seguito da un’emorragia cerebrale”. (Continua a leggere dopo la foto)

Foto Cecilia Fabiano/ LaPresse 02 Aprile 2021 Roma (Italia) Cronaca : Terapia intensiva. Ancora piene prima delle vacanze di pasqua le terapie intensive degli ospedali romani Nella foto : La terapia intensiva dell’ospedale San Filippo Neri April 02, 2021 Roma (Italy) News : Intensive Care Unit . Intensive care in Roman hospitals is still full before the Easter holidays In The Pic : the San Filippo Neri Hospital Intensive Care

“Benché la fisiopatologia dell’emorragia cerebrale sia al momento ignota, una relazione di causa effetto con il vaccino non può essere esclusa” ha concluso lo studio. Per questo fattori di rischio per l’emorragia cerebrale “vanno monitorati nei pazienti che si sottopongono al vaccino contro il Sars-CoV-2”.

Ti potrebbe interessare anche: Bloomberg annuncia il partito no-euro di Paragone e avvisa: “In Italia crescono gli euroscettici”