in

“Ecco il vero contratto tra Ue e Pfizer”. E il giornale catalano mette in mutande la Commissione

Delle cifre erano trapelate, e anche se sembravano già abbastanza alte, nessuno poteva immaginare che in realtà quelle reali sono ancora più gravose. Inoltre, non c’è nessuna responsabilità penale per l’azienda in caso di tragedie. È quanto scrive il quotidiano catalano La Vanguardia pubblicando il contratto tra l’Ue e Pfizer. Un contratto a costo “crescente” per singolo vaccino e che solleva Pfizer da qualsiasi coinvolgimento una volta consegnate le dosi ai paesi membri: “Per le eventuali ripercussioni del farmaco, l’azienda non potrà essere ritenuta responsabile né dovrà affrontare alcun risarcimento, in prima persona o attraverso qualsiasi rappresentante o partner”. (Continua a leggere dopo la foto)

Adnkronos, che ha ripreso l’articolo, scrive: “È uno scarico totale di responsabilità quello che emerge dal contratto rivelato oggi dal quotidiano catalano La Vanguardia che ha avuto accesso ai documenti firmati lo scorso 20 novembre (quando non era ancora giunta neppure l’autorizzazione dell’Ema alla distribuzione del vaccino) dalla responsabile globale del programma vaccini di Pfizer, Nanette Cocero, e dal Commissario europeo per la salute, Stella Kyriakides”. (Continua a leggere dopo la foto)

Il contratto si riferisce all’acquisto da parte della Commissione Europea di 200 milioni di dosi, con l’opzione di acquisto di altre 100 milioni e prevede prezzi più alti rispetti a quelli trapelati nelle scorse settimane: “Il costo infatti per le prime 100 milioni di dosi era di 17,50 euro a dose (più tasse), mentre per la fornitura delle successive 100 milioni di dosi scendeva a 13,50 euro. Il contratto contemplava la possibilità per l’Ue di ordinare ulteriori 100 milioni di dosi a 15,50 euro purché la richiesta fosse pervenuta entro tre settimane dall’autorizzazione dell’Ema, giunta lo scorso 21 dicembre: in caso contrario il prezzo sarebbe risalito a 17,50 euro”. (Continua a leggere dopo la foto)

Listino a parte , a colpire è soprattutto la dettagliata “esclusione” di responsabilità di Pfizer da eventuali danni a terzi. “L’unica ipotesi contemplata è quella legata a problemi nella produzione del vaccino: una volta consegnato ai singoli paesi, invece, decade qualsiasi ipotesi di risarcimento neppure per conseguenze avverse non descritti nella scheda tecnica del farmaco”.

Ti potrebbe interessare anche: Paragone al fianco dei ristoratori a Chioggia: loro gli restituiscono le tessere elettorali

Il video di Grillo è un autogol: il M5S ha già perso 500 mila voti

Unione europea contro l’agricoltura del Sud. La Sicilia ha bisogno di Italexit