in

“Biden, ecco il video che lo accusa”. Attacco al gasdotto, l’inquietante ipotesi (il VIDEO)

Pubblicato il 29/09/2022 10:40

La guerra ormai nemmeno troppo fredda tra Russia e Stati Uniti riprende a pieno regime. Su quanto sta accadendo ai gasdotti Nord Stream 1 e 2 si sta consumando l’ultimo scontro. E chi ci va di mezzo è ancora una volta l’Europa. E ora ci si chiede: i due gasdotti saranno inutilizzabili per sempre? Il giornale tedesco Tagesspiegel scrive che secondo i servizi di sicurezza in Germania i tre tubi del Nord Stream, danneggiati forse da un sabotaggio, potrebbero non essere più impiegati se non verranno riparati subito perché l’acqua salata del mare sta entrando nelle infrastrutture corrodendo il materiale in maniera irreversibile. La Russia, proprietaria delle tubature, ha puntato il dito contro gli Stati Uniti tramite la portavoce del ministero degli Esteri, Maria Zakharova. (Continua a leggere dopo la foto)

Zakharova ha scritto: “Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden deve dire se gli Stati Uniti sono o meno responsabili delle fughe di gas rilevate dai gasdotti Nord Stream 1 e 2 nel Mar Baltico. Il presidente è obbligato a rispondere alla domanda” e ha ricordato quando a inizio febbraio Biden dichiarò: “Se la Russia invaderà l’Ucraina non ci sarà più un Nord Stream 2. Vi metteremo fine”. E poi commentò: “Vi prometto che lo faremo”. Il video, inevitabilmente, ha ripreso a circolare velocemente sui social. E in tanti ora sono convinti che il sabotaggio dei gasdotti sia davvero opera degli Usa. Ma perché? E a che pro? (Continua a leggere dopo la foto)

La Casa Bianca ha replicato: “Ridicolo insinuare che gli Usa siano responsabili degli incidenti a Nord Stream”, mentre l’UE a sua volta sospetta di Putin che in questo modo avrebbe il pretesto per alzare l’asticella della guerra in Ucraina e avrebbe provocato una nuova impennata del prezzo del gas oltre a un gravissimo danno ambientale. Come commenta Il Tempo, “siamo alle accuse incrociate. Ma cosa è successo lunedì nel mar Baltico? Per ora è un mistero. L’Europa ha promesso indagini molto serie, ma gli esperti si sono già detti certi che rotture di questo genere possono essere solo frutto di atti deliberati, complessi sì, ma non impossibili. L’ipotesi di simultanei incidenti casuali con tre perdite al largo dell’isola danese di Bornholm, tra la Svezia meridionale e la Polonia, è stata esclusa”. (Continua a leggere dopo il video)

L’istituto sismologico norvegese NORSAR, riporta il sito di Repubblica, ha stimato che la seconda esplosione era equivalente a una deflagrazione di 700kg di tritolo. Lion Hirth, professore alla Hertie School di Berlino, ha dichiarato: “Danneggiare due gasdotti in fondo al mare è un evento importante, è probabile che a farlo sia stato un attore statale. La zona si adatta perfettamente ai sottomarini. Si possono usare nuotatori da combattimento per posizionare l’esplosivo o un drone che parte da un sottomarino lontano miglia e miglia e lascia cadere la mina vicino al fondo del Nord Stream. Meno probabile l’impiego di un siluro”.

Ti potrebbe interessare anche: “Trovate tracce di mRna”. Lo studio choc che ora allarma milioni di mamme nel mondo

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Starà ai patti”. Draghi telefona all’Ue e garantisce per lei. Ecco quali sarebbero “i patti”

“Ecco perché non ti darò gli Interni”. Meloni gela Salvini, e inizia la guerra tra leader. Il Retroscena