Vai al contenuto

Nessuna restrizione e contagi in calo: ecco le ragioni del “caso” Gran Bretagna

Pubblicato il 14/11/2021 10:54

Senza che sia stata reintrodotta alcuna misura di contenimento, a Londra c’è stata l’inversione di tendenza: i casi diminuiscono invece di aumentare. Si tratta di un caso unico, hanno spiegato gli scienziati al Financial Times, perché il declino è dovuto «quasi interamente al muro di immunità, piuttosto che a cambiamenti del comportamento o a restrizioni».

Risultato? In Gran Bretagna questa settimana c’è stato un declino del casi del 7% rispetto alla settimana precedente e un calo dei decessi di quasi il 9%. Calo che si registra in tutte le fasce di età, ma in particolar modo fra i giovanissimi, che nelle ultime settimane erano stati il principale vettore della pandemia. Su un milione di britannici, circa 500 risultano ogni giorno positivi al Covid: un dato che è quasi il doppio in Austria, per far un esempio (e anche in Olanda è molto più alto, mentre la traiettoria della Germania, al momento più bassa, si avvia a superare quella britannica).

Boris Johnson invita comunque a restare in guardia: «Sto vedendo nuvole di tempesta che si addensano su parti del Continente europeo — ha detto il primo ministro —. Quello che sto dicendo oggi è che l’urgenza di fare la terza dose è più evidente che mai. Se non la facciamo abbastanza in fretta, possiamo vedere i rischi potenziali in quello che sta accadendo in altre parti d’Europa». A Londra, da luglio, sono state abolite tutte le residue limitazioni alle libertà personali e la popolazione ha rapidamente abbracciato il ritorno alla normalità.