in

Muore a 25 anni la stella del basket: l’ennesima “tragedia inspiegabile” che sconvolge lo sport

Un’altra morte “inspiegabile”, ancora uno sportivo che perde la vita in età giovanissima, con gli esperti ormai allarmati da tempo dall’aumento di casi analoghi. A perdere la vita è stata una star nascente del basket Caleb Swanigan, scomparso a soli 25 anni. Al momento non si conoscono ancora i dettagli della scomparsa: l’atleta era stato tra i protagonisti dell’Nba americana a partire dal 2017, quando al Draft era stato scelto con la chiamata numero 26 dai Portland Trail Blazers.

Nel team di Portland, Swanigan era rimasto per tre stagioni (intervallate anche da un’esperienza ai Sacramento Kings), prima di lasciare la lega nel 2020. Una notizia terribile che ha colpito un ragazzo dalla storia personale molto particolare alle spalle. A dare la notizia della sua morte, come raccontato da Sky Sport, è stato il profilo ufficiale di Purdue, il college che dal 2015 al 2017 si è coccolato e goduto un giocatore in grado di prendersi una scelta al primo giro al Draft 2017, selezionato con la numero 26 dai Portland Trail Blazers e rimasto in ordita NBA per un triennio.

Successivamente Swanigan aveva deciso di rinunciare a prendere parte alla spedizione della squadra dell’Oregon nella bolla d’Orlando nell’estate 2020, in piena pandemia, per quelle che vennero definite “ragioni personali”. Successivamente si era allontanato dall’Nba: una scomparsa tragica che ha lasciato attonita e addolorata tutta la lega.

Cresciuto nella povertà e senza una fissa dimora, Swanigan era poi riuscito grazie alla pallacanestro a prendersi il meritato riscatto. Nel suo secondo anno a Purdue aveva chiuso con 18.5 punti di media tirando con il 44.7% dall’arco, una stagione clamorosa che aveva convinto i Blazers a puntare su di lui, senza però riuscire a trovare continuità nelle annate successive.

Ti potrebbe interessare anche: Il disegno di legge sulla montagna: rilievi critici

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Un nuovo stato di emergenza in Italia: a breve la proclamazione, cosa sta per succedere

Trasporti pubblici gratuiti per le periferie? Ti piace l’iniziativa del sindaco di Boston? Partecipa al sondaggio