in ,

“Indagato Macron”. Terremoto in Francia, il presidente è sotto accusa: cosa sta succedendo

Pubblicato il 25/11/2022 10:14 - Aggiornato il 25/11/2022 10:37

Terremoto in Francia: il presidente della Repubblica Emmanuel Macron è indagato con le accuse di favoritismo e finanziamento illegale della campagna elettorale in relazione alle elezioni 2017 e 2022. Come riporta Affari Italiani, “la Procura nazionale finanziaria ha incaricato tre giudici istruttori per indagare sui contratti pubblici assegnati alla società americana McKinsey per ‘importi colossali’, sia in relazione al voto del 2017, sia a quello del 2022”. Il quotidiano francese Le Parisien, uno dei più importanti del Paese, scrive che si tratta dell’indagine giudiziaria più delicata del momento. Secondo le informazioni fornite alla stampa mondiale dalla testata francese, confermate dalla Procura nazionale della Finanza (PNF), il 20 ottobre è stata aperta un’inchiesta giudiziaria per sospetti di finanziamento illecito delle campagne elettorali di Emmanuel Macron nel 2017 e nel 2022″. (Continua a leggere dopo la foto)

Le indagini mirano ai legami tra il capo della lo Stato e la società di consulenza McKinsey e soprattutto alle condizioni per l’assegnazione di alcuni appalti pubblici per importi colossali a questa società americana. “Il 21 ottobre è stata aperta una seconda inchiesta giudiziaria sui capi di favoritismo e occultamento di favoritismo”. Nella nota, la Procura nazionale finanziaria francese (Pnf) non cita mai il nome di Macron ma annuncia di aver aperto due fascicoli giudiziari a fine ottobre riguardanti rispettivamente “le condizioni di intervento di uffici di consulenza nelle campagne elettorali francesi del 2017 e del 2022” e relativi sospetti di “favoritismo”. La nota è stata diffusa dagli uffici del procuratore della Repubblica, Jean-François Bohnert. (Continua a leggere dopo la foto)

Riporta Affari: “Durante la campagna presidenziale del 2022 si erano moltiplicate le critiche contro Macron, in particolare rispetto ai contratti conclusi negli ultimi cinque anni tra lo Stato e società di consulenza private come l’americana McKinsey. Il 17 marzo, il Senato rivelò che le commesse dello Stato per questo tipo di consulenze private sono ‘più che raddoppiate’ tra il 2018 e il 2021, toccando un record di oltre un miliardo di euro nel 2021. McKinsey fu la società di consulenza privata maggiormente sollecitata dalle autorità francesi durante la pandemia. Il rapporto dei senatori ha suscitato dure critiche sull’uso di fondi pubblici e l’opposizione ha invocato un’inchiesta su eventuali favoritismi alla multinazionale Usa”. (Continua a leggere dopo la foto)

Il caso Macron rimanda la Francia indietro con la memoria alle vicende di un altro ex presidente, Nicolas Sarkozy, che nel 2021 era stato condannato a un anno di carcere per finanziamento illecito della sua campagna elettorale del 2012, nel caso delle false fatture “Bygmalion”. E si trattava del secondo verdetto di colpevolezza nei confronti di Sarkozy, dal momento che a marzo 2021 era stato condannato anche per corruzione nel caso intercettazioni di sette anni fa.

Ti potrebbe interessare anche: “Noi non le pagheremo!”. Pronti i ricorsi, Paragone asfalta il ministro della Salute (il VIDEO)

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Superbonus, è l’ultimo giorno: “È caos totale”. Rivolta di costruttori e cittadini: cosa cambia da domani

“La trappola Bce pronta per Giorgia Meloni”: così l’Europa prova a mettere nei guai il governo