in

Liste M5S, scoppia la “parentopoli”. Ecco i parenti e gli amici che Conte ha messo in lista

Pubblicato il 17/08/2022 09:39

Dopo tante polemiche e accesi confronti all’interno di un Movimento Cinque Stelle sempre più diviso, Giuseppe Conte ha presentato le liste dei candidati che dovranno passare ora all’esame delle parlamentarie. Un elenco che, in attesa del voto, ha già suscitato altri malumori, visto che a fare capolino sono molti volti considerati vicini al premier, quando non addirittura parenti di altri grillini di spicco. Come riportato dal Corriere della Sera, infatti, tra le autocandidature sulle quali l’ex premier non ha avuto nulla da ridire ci sono personalità illustri che, sulla carta, non potrebbero presentarsi per il limite del doppio mandato.

Ecco, allora, che nel collegio Lombardia 1 si legge il nome di Davide Buffagni, fratello del deputato grillino Stefano che in passato ha ricoperto il ruolo di viceministro allo Sviluppo Economico. Scorrendo la lista, impossibile ignorare anche la presenza di Ergys Haxhiu, il compagno del ministro alle Politiche giovanili, Fabiana Dadone. A proposito di parentele, al collegio Piemonte 2 potrebbe invece candidarsi Paolo Trenta, fratello di Elisabetta (ex ministro della Difesa).

Finito qui? Macché. L’elenco comprende anche Samuel Sorial, il fratello del deputato Giorgio, e una serie di collaboratori e nomi legati al Movimento Cinque Stelle che hanno accompagnato questa legislatura. Non manca spazio anche per Andrea Mazzillo, assessore al Bilancio per un anno nella giunta Raggi a Roma.

E ancora: nel listino bloccato di Conte si leggono anche i nomi di quattro vice dell’attuale leader del Movimento, ovvero Michele Gubitosa, Riccardo Ricciardi, Alessandra Todde e Mario Turco. E poi non mancheranno i big, da Stefano Patuanelli all’ex sindaca di Torino Chiara Appendino. Una selezione che ha fatto sbottare più di qualche utente in rete: “Che bel lavoro, io leggo solo nomi di amici, parenti e collaboratori” si legge in rete, tra i tanti commenti delusi.

Ti potrebbe interessare anche: Pandemia a trasmissione sessuale. E per non restar “disoccupati”, ecco cosa s’inventano le virostar

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Covid, riparte la corsa al vaccino. Il ministero prepara l’elenco: ecco chi dovrà fare i richiami già a settembre

Gas, se pensavate fosse finita vi sbagliavate. Ecco di quanto aumenteranno le bollette a settembre