in

L’Europa vuole l’obbligo vaccinale: pronta l’ultima stretta, quella definitiva

L’andazzo era chiaro da tempo, in un crescendo di proclami allarmistici e nuove restrizioni. Ora, l’ultimo passo è ormai imminente, con l’Europa che dopo divieti, certificati virtuali e caccia alle streghe contro i no vax si prepara a sfoderare l’arma finale: un vero e proprio obbligo di vaccinazione per i cittadini dell’Unione. La fuga in avanti è già iniziata, con alcuni Stati che si sono sganciati dall’idea di un coordinamento nelle misure anti-Covid per procedere, individualmente, alle prime strette.

Il copione è sempre lo stesso: non ci sarà un’imposizione ufficiale, ma un crescendo di limitazioni che finiranno per rendere il vaccino, di fatto, obbligatorio. Stavolta, in maniera inesorabile. A guidare la coalizione degli Stati decisi a introdurre un obbligo mascherato c’è la Germania, con il governo federale pronto a varare, nelle prossime ore, ulteriori restrizioni per chi non ha ancora ricevuto la somministrazione dei farmaci anti-Covid. E con il prossimo cancelliere Olaf Scholz che, stando a quanto riportato dal Corriere della Sera, non avrebbe nascosto ad Angela Merkel di essere favorevole all’idea di impedire ai non vaccinati l’accesso a qualsiasi esercizio commerciale non essenziale.

Non è da meno l’Austria, dove il governo guidato da Alexander Schallenberg sta studiando una legge che introdurrà multe fino a 7.200 euro per chi insiste nel rifiutare il vaccino dopo due solleciti ufficiali. Una norma pronta a entrare in vigore già nel corso del mese di dicembre, prima delle festività natalizie, e che imporrà di fatto l’inoculazione a tutti i cittadini con più di 14 anni di età.

Stessa linea per la Grecia, dove a partire dal 16 gennaio 2022 scatterà addirittura l’obbligo vaccinale per tutti i cittadini con almeno 60 anni. Anche in questo caso, in caso di rifiuto arriveranno sanzioni amministrative fino a 100 euro al mese, con i fondi raccolti che saranno poi devoluti agli ospedali. Una “tassa sanitaria”, come l’ha definita il premier Kyriakos Mitsotakis, che ha scatenato forti proteste nel Paese. Una stretta iniziata sull’onda lunga dell’allarme per la variante Omicron: l’Oms (Organizzazione mondiale per la Sanità) aveva in realtà predicato calma, sostenendo che “non ci siano evidenzia di una maggiore trasmissibilità” di questa nuova forma del virus. I ministri della Salute, durante il G7, hanno invece sposato il partito opposto, dando così il là all’ennesima stretta, sempre più soffocante.

Ti potrebbe interessare anche: Propaganda Live, bufera su Makkox per un tweet volgare e sessista

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

La scuola non è più per tutti: per 1 alunno su 3 scatta l’obbligo di tampone

L’emergenza è voluta dal governo. Ecco quante terapie intensive (non) sono state realizzate