in

L’allarme di Capitano Ultimo: “In Italia deriva autoritaria. Non si può criminalizzare il dissenso”

Molti conosceranno Sergio Di Caprio col suo nome di “battaglia” Capitano Ultimo. Da sempre un uomo delle istituzioni, è stato a capo dell’unità Crimor dei ROS dei Carabinieri ed è noto soprattutto per aver arrestato Totò Riina il 15 gennaio 1993; con il grado di colonnello è stato vice comandante del Comando Carabinieri per la Tutela dell’Ambiente a Roma. Poi ha fondato la casa famiglia “Volontari Capitano Ultimo” di Roma, dove porta avanti progetti di solidarietà nei confronti dei meno fortunati.

Intervistato da La Verità, il Capitano Ultimo esprime una certa preoccupazione sullo stato della democrazia e della libertà di opinione in Italia ai tempi del Covid: “Mala tempora currunt, amico mio. C’è troppo autoritarismo in giro, e lo dico non dimenticando mai di essere stato e di sentirmi ancora un servitore dello Stato e un uomo delle istituzioni come carabiniere per più di quattro decenni”. Antonello Piroso, che lo intervista, gli chiede delle sue posizioni sui social: sul suo account Twitter, ad esempio, campeggia una frase: “La lotta è del popolo e deve rimanere del popolo”.

Sarà possibile per gli uomini e le donne che indossano una divisa avere opinioni come cittadini, oppure il principio di uguaglianza e quello di libertà di espressione, articoli 3 e 21 della nostra Costituzione, valgono per tutti tranne che per loro?” si chiede Capitano Ultimo. Quando Piroso gli fa notare che il motto degli appartenenti alla Benemerita è “usi ad obbedire tacendo”, Di Caprio ribatte: “Si e tacendo morir, ma in battaglia, non nella vita di tutti i giorni in cui, quando non hanno la divisa addosso non possono essere considerati italiani di serie B. Si è leali nei confronti dello Stato, ci si adegua e si fanno rispettare le disposizioni, ma non si può abrogare per loro il diritto di critica, non si può criminalizzare il dissenso“.

Poi Capitano Ultimo parla delle piazze definite “No vax” e “no green pass”: “Li si vuole considerare un’unica entità. Quindi mentre si vuole sciogliere Forza Nuova per l’assalto alla Cgil (e a me va benissimo, la violenza è l’antitesi della democrazia) si esercita una forma sottile di coercizione verso chi magari trova singolari le affermazioni del ministro dell’Interno sugli scontri e il ruolo degli agenti preposti alla verifica della forza ondulatoria di una jeep“. “Ci sarebbe da ridere se non ci fosse da piangere” dice il militare “qui si accusa di oscurantismo il regime dei talebani, ma davanti a certe iniziative mi chiedo chi voglia davvero tornare al medioevo”. “Lei sa che è stata emanata una circolare bavaglio in cui ai carabinieri si inibisce, con ferrei paletti, l’uso dei social anche per quanto riguarda foto o messaggi di natura affettiva, amicale, familiare?”, domanda Capitano Ultimo, denunciando in questi modo la per niente sottile, in effetti, coercizione nei confronti delle forze dell’ordine stesse.

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Tutti vaccinati e con tre dosi. Focolaio Covid nella casa di riposo

Militari, poliziotti e non solo: ecco le categorie per le quali si valuta l’obbligo vaccinale