in

Il governo vuole un Green pass eterno: ecco fino a quando sarà prorogato l’obbligo

Se pensavate, dando un’occhiata a dati che ci raccontano di un’emergenza Covid sempre più alle spalle, che nei prossimi mesi avremmo assistito al naturale allentamento delle misure restrittive sappiate che vi sbagliate, di grosso. Anzi. Draghi e i suoi ministri sono pronti a giocare il proverbiale asso nella manica, la proroga del Green pass obbligatorio addirittura fino a marzo prossimo. Una mossa da annunciare addirittura il prima possibile così da spingere, nelle intenzioni del premier, altre persone a rassegnarsi al vaccino, cedendo così al ricatto di Stato.

Come rivelato da La Stampa, Draghi avrebbe infatti deciso di dichiarare guerra a chi, facendosi due conti in tasca, si era nel frattempo reso conto di poter andare avanti fino al 31 dicembre con una spesa di circa 200 euro al mese per i tamponi. Come ormai evidente da tempo, però, il premier e i suoi fedelissimi vogliono costringere gli italiani a vaccinarsi, senza eccezioni. E a confermarlo sono arrivate le parole del presidente della Repubblica Sergio Mattarella: “Non possono prevalere i pochi che vogliono far imporre le loro teorie antiscientifiche, con una violenza a volte insensata”.

Insomma, nessuno può illudersi di sfuggire alla morsa del governo Draghi. Pronto non solo ad allungare l’obbligo di Green pass, ma anche a prorogare il tanto discusso stato di emergenza non appena i dati sui contagi, con l’inverno, faranno segnare una risalita. Pierpaolo Sileri, sottosegretario alla Salute, ha chiarito proprio in queste ore: “Ci vorrà cautela nel cancellare le misure restrittive. Toglieremo prima il distanziamento, poi le mascherine al chiuso e infine il Green pass”. Il tutto accompagnato da appelli sulla necessità di un nuovo giro di inoculazioni: “La terza dose? Dovranno farla tutti”.

Dopo gli over 60, tra gennaio e febbraio la terza dose interesserà i cinquantenni e da marzo ad aprile i quarantenni. Un passaggio considerato ormai necessario, nei giorni in cui, ormai, le prime dose si sono fatte addirittura inferiori alle terze, a conferma di come non sia bastata nemmeno l’introduzione di un Green pass vigliaccio a piegare gli italiani ai diktat dei santoni-virologi.

Ti potrebbe interessare anche: Propaganda Live, bufera su Makkox per un tweet volgare e sessista

Zoccola, il re delle cooperative mette nei guai De Luca: “Ecco cosa mi diceva di fare”

Niente autopsia! Il caso di Giulia, la ragazza minorenne morta dopo 24 ore dalla vaccinazione