in

Green Pass? Per la Festa dell’Unità non serve: è bufera sul Pd. Cosa si sono inventati

Ricordate la celebre frase pronunciata da Alberto Sordi nel Marchese del Grillo? “Perché io so’ io e voi nun siete un cazzo”. Ecco, è proprio il caso del Pd. Che da una parte bastona gli esercenti italiani e fa le battaglie per il Green Pass obbligatorio per entrare nei locali pubblici, nei cinema, teatri, ristoranti, un po’ ovunque, insomma. Dall’altra organizza la sua Festa dell’Unità e dice che per accedervi non serve il Green Pass. Per intenderci: con le loro folli norme lo hanno messo obbligatorio anche per accedere al Colosseo o al parco dei Fori imperiali che sono all’aperto. Da loro, però, non serve. (Continua a leggere dopo la foto)

La circolare del Pd fa subito il giro del Web e dei social, dove scoppia una vera e propria bufera. Il grande Parco Nord di Bologna, spazio pubblico, ospiterà la Festa dell’Unità nazionale (dal 2 agosto al 12 settembre, con l’appendice tutta locale fino al 19) senza obbligare chi accederà alle kermesse a esibire il Green Pass vaccinale. Enrico Letta e i suoi si sono appigliati alle nuove delucidazioni interpretative date dal Viminale, che ha eliminato l’obbligo di esibire la ‘carta verde’ nelle fiere e nelle sagre. (Continua a leggere dopo la foto)

La Festa dell’Unità viene dunque fatta passare come una sagra ed ecco qua che si è risolto il problema del Green pass. I ristoratori però in queste ore stanno diventando pazzi per stare dietro alle follie del governo, perdendo tempo, clienti e denaro. Ma il Pd fa di più. E per far vedere che loro sono i “buoni”, e per distogliere l’attenzione dell’opinione pubblica dalla polemica del Green pass, hanno chiesto all’Ausl di Bologna di portare un punto vaccinale nel cuore del Parco Nord. (Continua a leggere dopo la foto)

Creare un vero e proprio hub vaccinale, insomma, dove sarà possibile decidere di farsi iniettare il vaccino senza prenotazione, tra una cena e un dibattito. “Puntiamo a fare almeno 200 vaccinazioni a sera” è l’obiettivo di cui si parla al quartier generale dem.

Ti potrebbe interessare anche: Israele, boom di contagi e ricoveri: il 58% dei pazienti gravi ha la doppia dose di vaccino

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

“Un farmaco che cura il Covid in 5 giorni”: la scoperta dei medici israeliani

Il Codacons denuncia Bassetti, Burioni e Pregliasco: “Dichiarazioni di gravità inaudita”