in

Governatori e politici, la sadica gara fra vaxisti a colpire i Free Vax

Pubblicato il 18/11/2021 08:49

Linea dura, sempre più dura, contro i non vaccinati. Dopo i governatori del nord che hanno proposto di escludere i vaccinati dalle possibili restrizioni dovute al cambio di colore (e quindi farle valere solo per chi non si è voluto vaccinare), arriva anche l’affondo di Eugenio Giani, governatore della Toscana, il quale vuole spostare l’asticella un po’ più in là. Intervistato a Radio24, Giani ha proposto di fare direttamente come l’Austria. (Continua a leggere dopo la foto)

Giani premette: “Non è il caso della Toscana, dove credo che fino a Natale la situazione resterà questa e non ci sarà nemmeno la zona gialla. In linea generale, però, credo che dobbiamo prevedere delle distinzioni tra vaccinati e non vaccinati. Tra Germania e Austria credo che noi dovremmo ispirarci a quest’ultima”. Ecco cosa intende: “Se sei vaccinato nessuna limitazione. Chi invece sceglie di non farsi il vaccino, deve restare a casa e uscire solo per fare la spesa o per curarsi”. (Continua a leggere dopo la foto)

Intanto si fa sempre più attuale il tema sulle eventuali nuove misure restrittive a livello nazionale a causa dell’aumento dei contagi, con i governatori che stanno chiedendo al ministro Speranza che valgano però solo per i non vaccinati. Viaggiano su questa linea anche Giovanni Toti (Liguria) e Massimiliano Fedriga (Friuli). Stefano Bonaccini (Emilia) non esclude l’idea. “Chiederemo come Regioni che le misure restrittive legate alle fasce di colore, se devono valere per qualcuno, valgano per le persone che non hanno fatto il vaccino e non per le persone che lo hanno correttamente fatto”, ha dichiarato Giovanni Toti a margine dell’apertura del Salone orientamenti di Genova. (Continua a leggere dopo la foto)

Il concetto espresso da Toti è stato ribadito anche da Massimiliano Fedriga, ospite a Roma a margine di un convegno della fondazione Italia in salute: “Se ci sono restrizioni siano per tutti tranne che per i vaccinati”. Stefano Bonaccini è possibilista all’idea di un lockdown all’austriaca: “Dovremmo discuterne”. Roberto Occhiuto, governatore della Calabria: “Se si dovessero rendere necessarie nuove restrizioni – il vero gradone è, a mio avviso, rappresentato dalla cosiddetta zona arancione – queste dovrebbero coinvolgere esclusivamente coloro che non si sono vaccinati”. (Continua a leggere dopo la foto)

Anche Attilio Fontana (Lombardia), su Facebook si è detto concorde con la proposta di Giovanni Toti e Massimiliano Fedriga: “Non possiamo pensare a restrizioni per questi cittadini che hanno dimostrato fiducia, consapevolezza e senso del bene comune”.

Ti potrebbe interessare anche: Paragone: “Gravissimo che demonizzino i genitori che non vaccinano i figli”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Vaccino ai bambini, si procede spediti. L’Aifa: “Ok dal 29 novembre”. E sulla pillola anti-Covid…

Il governo dichiara guerra al contante: dal 1 gennaio arriva un nuovo tetto ai pagamenti