in

“Dopo 36 anni…”, e scoppia in lacrime in tv: il dramma bollette della commerciante commuove l’Italia (il VIDEO)

Pubblicato il 04/10/2022 11:11

Il dramma della signora Franca Izzo, commerciante di Torino, è lo stesso che stanno vivendo migliaia di suoi colleghi in tutta Italia. Il caro bollette, maturato per le scelte folli del governo Draghi, sta ammazzando un’intera economia. La signora Franca, non a caso, parla di “dramma epocale” nella puntata del 3 ottobre de “L’aria che tira“, il programma condotto da Myrta Merlino su La7. Il caro bollette sta mettendo in ginocchio tutti, famiglie, piccole e grandi imprese, aziende. E come molti anche Franca Izzo, che dopo 36 anni di onoratissima carriera sarà costretta a chiudere la sua attività. E il suo racconto in lacrime ha commosso il Paese intero. (Continua a leggere dopo la foto)

“Per prima cosa ho tolto il telefono fisso, poi come seconda cosa ho tolto le insegne”, racconta l’artigiana in collegamento con la trasmissione. “Per terza cosa ho chiuso una stanza, poi cinque frigoriferi. Ma come si fa? Mi portano la bolletta da 700 euro a 3mila e 900 euro, ma qua siamo pazzi. Non si può”, dice Franca Izzo scuotendo la testa. Quindi scoppia in lacrime: “Mi dispiace chiudere la mia attività dopo 36 anni, con tutto il cuore, l’ho trattata come un bambino”. (Continua a leggere dopo il video)

“È una vergogna, questo Stato deve intervenire in poche ore. Come si fa? Poveri giovani. Adesso io faccio questo anche per loro”, conclude Franca Izzo. “Ci rendiamo conto in che realtà viviamo? Diamoci da fare”, ammonisce. A quel punto anche la conduttrice Merlino è molto toccata dalla testimonianza di Franca Izzo e non può che concludere così: “Io non trovo le parole, sono sincera”. E non le troviamo nemmeno noi, se non nelle parolacce. L’Italia, però, si sta destando. Le piazze si stanno tornando a riempire. L’esasperazione è tanta, così come la voglia di cambiare. Per davvero.

Ti potrebbe interessare anche: “Trovate tracce di mRna”. Lo studio choc che ora allarma milioni di mamme nel mondo

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Nuove armi all’Ucraina, ecco cosa farà Draghi. La decisione che fa infuriare tutti

“Vogliono far tornare le mascherine a scuola”: il piano del governo per rimetterci il bavaglio