in ,

Francia, per il Green pass partono i controlli delle forze dell’ordine: Stato di polizia?

Prove generali di uno stato di polizia in Francia. Il presidente Macron procede a ritmo spedito, senza guardare in faccia nessuno, nonostante da nord a sud la Francia è una polveriera, con centinaia di migliaia di cittadini in protesta contro obbligo vaccinale e Green pass. E proprio oggi, 10 agosto, è il primo giorno di controlli in Francia per il Pass sanitario, la certificazione francese equivalente al Green pass italiano. Scattata l’obbligatorietà per frequentare bar e ristoranti, le forze dell’ordine sono già all’opera per effettuare i controlli. (Continua a leggere dopo la foto)

In un video diffuso sui social – e segnalato da Open – “si vedono alcuni agenti della polizia chiedere ai clienti seduti ai tavoli degli esercizi di mostrargli il pass. Immagini emblematiche nei giorni in cui anche in Italia si discute su chi (e come) dovrà effettuare le verifiche tra la popolazione. Dalla prossima settimana in Francia entreranno in vigore anche le sanzioni: 135 euro di multa per chi avrà infranto la regola una volta, ma salirà fino a 9 mila euro in caso di recidiva”. (Continua a leggere dopo la foto)

Intanto, manifestazioni contro l’obbligo di pass vaccinale per aver accesso a numerosi luoghi pubblici, ma anche contro l’obbligo del vaccino per i badanti – confermati giovedì dal Consiglio costituzionale – si svolgono in oltre 150 città e paesi della Francia. Le proteste – per il quarto weekend consecutivo – giungono all’indomani del nuovo appello a vaccinarsi lanciato dal presidente Emmanuel Macron. (Continua a leggere dopo la foto)

Ora in Francia serve il Green Pass, un tampone negativo al Covid o un certificato di avvenuta guarigione dalla malattia per entrare in bar e ristoranti, teatri, parrucchieri, o per fare un viaggio a lunga percorrenza su aerei, treni o pullman.

Ti potrebbe interessare anche: CostaVolpara, la band che spopola sui social dopo il No ai concerti in cui si richiede il Green Pass

Covid, disastro Israele. Il record degli ultimi sei mesi

L’Agenzia delle Entrate si rimette in moto: in partenza 650mila lettere