in ,

“Zero Covid” è solo un’utopia. Così il Financial Times spinge alla “convivenza” col virus

Il Financial Times ha pubblicato un articolo – rilanciato in Italia da Dagospia – sull’ormai sempre più certo abbandono dell’utopia “zero Covid”. Della serie: basta con tutte queste restrizioni, prima impariamo a convivere con il virus e meglio è per tutti. E a dimostrarlo è anche il cambio di marcia e di strategie di alcuni dei grandi Paesi che fin qui erano stati intransigenti. Si legge sul Financial Times: “Le istruzioni del governo di accumulare cibo sono raramente un segno che tutto va bene. Questo, tuttavia, è il messaggio che il ministero del commercio cinese ha inviato la scorsa settimana, anche se non c’è un problema di fondo di approvvigionamento alimentare e solo una manciata di casi di Covid-19 ogni giorno. La sua direttiva mostra la crescente tensione causata dalla ricerca cinese del Covid-19 zero e la necessità di una via d’uscita nei pochi paesi che ancora lo perseguono”. (Continua a leggere dopo la foto)

“La Nuova Zelanda – a lungo un punto di riferimento per lo zero-Covid – ha iniziato ad abbandonare la politica a favore della convivenza con il virus. Durante gran parte del 2020 e 2021, zero-Covid è stato un trionfo per i paesi che lo hanno abbracciato. Non solo sono stati in grado di mantenere le morti da Covid a livelli minimi, guadagnando tempo per le vaccinazioni, ma la vita poteva continuare normalmente senza paura del virus. La politica era buona per la salute e per l’economia. Ma non è più così, per due motivi. In primo luogo, il resto del mondo non ha eliminato il Covid, e finché rimane un caso di una malattia infettiva, in qualsiasi parte del mondo, può sempre tornare. Zero-Covid per sempre significa quindi chiusura delle frontiere per sempre. In secondo luogo, l’emergere della variante Delta, più contagiosa, significa che solo chiusure estreme possono eliminare la malattia, e i vaccini non possono più fornire una soluzione totale”. (Continua a leggere dopo la foto)

Si legge ancora sul Financial Times: “Anche con un vaccino perfettamente efficace, l’80% della popolazione deve essere vaccinata per raggiungere la cosiddetta immunità di gregge, uno stato in cui la malattia non può più diffondersi. La linea di fondo è che l’eliminazione del Covid non è semplicemente possibile. Anche con un vaccino efficace, la variante Delta è semplicemente troppo infettiva e troppo radicata nel mondo. Non importa quante volte un paese elimini la malattia, essa tornerà e continuerà a tornare. In questa fase, quindi, le chiusure delle frontiere e le chiusure draconiane semplicemente rimandano il momento in cui il Covid-19 diventerà inevitabilmente endemico in una popolazione, limitando la libertà dei cittadini”. (Continua a leggere dopo la foto)

Conclude il Financial Times: “Tali restrizioni non possono impedire la sua diffusione per sempre. Comprare tempo aveva senso durante l’attesa dei vaccini. Ora, però, comprare tempo non serve a niente. Le politiche Zero-Covid sono spesso popolari. L’assenza di Covid-19 è, dopo tutto, uno stato molto desiderato. Ma una spinta continua per lo zero-Covid aumenta la paura del virus, riducendo al contempo la motivazione per ottenere un vaccino, poiché se il virus viene eliminato non ce ne sarà bisogno. Solo mesi fa, i paesi zero-Covid hanno ottenuto lodi per il loro successo politico. Ora possono vincere il plauso per l’abilità con cui se lo lasciano alle spalle”.

Ti potrebbe interessare anche: Paragone: “Gravissimo che demonizzino i genitori che non vaccinano i figli”

“Tra prima e seconda dose non c’è differenza”. Dati alla mano Giorlandino demolisce Galli in diretta

Invece del risarcimento arriva una maxi-cartella esattoriale: l’assurda storia di Arianna