in

“Ecco cosa gli ho chiesto”. Erdogan chiama Putin e prepara la svolta sulla guerra

Pubblicato il 05/01/2023 12:51

La guerra tra Russia e Ucraina potrebbe arrivare – finalmente – a una svolta. Gli sforzi per giungere alla pace devono essere sostenuti da un “cessate il fuoco unilaterale” e da una “visione per una soluzione equa”. Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan al leader del Cremlino Vladimir Putin durante il colloquio telefonico di oggi, riferisce la presidenza di Ankara in una nota. Nel loro colloquio Erdogan e Putin hanno discusso della guerra in Ucraina ma anche di questioni energetiche. Erdogan e Putin hanno parlato della creazione di un hub del gas in Turchia. (Continua a leggere dopo la foto)

In una nota diffusa dalla presidenza turca, spiegando che “il presidente Erdogan durante il colloquio ha affermato che Ankara ha rafforzato e continua a rafforzare le infrastrutture per la creazione di un hub di gas naturale in Turchia, e che la parte turca è impegnata a finalizzare la road map e a compiere passi concreti per attuarla non appena possibile”. Anche la Siria è stata al centro del colloquio. “Devono essere adottate azioni concrete per eliminare la presenza dei gruppi terroristici del Pkk, Pyd e Ypg soprattutto da Tal Rifaat, a Manbij nel nord della Siria”, ha chiesto il presidente turco. La Turchia considera le Unità di protezione del popolo curdo in Siria, l’Ypg, un’organizzazione terroristica al pari del Pkk

Ti potrebbe interessare anche: “Non lo sanno fare”. Feltri manda k.o. la sinistra: così demolisce tutti, da Letta in giù (il VIDEO)

"Moderno sarà lei!", il nuovo libro di Gianluigi Paragone con prefazione di Mario Giordano.

Clicca per acquistare!

-->

“Italia a bocca asciutta”. L’Ue ci rifila il primo bidone del 2023: l’ammissione di Bruxelles

Malore improvviso all’ottavo mese di gravidanza: l’assurda tragedia che ha colpito Elena, 27 anni