x

x

Vai al contenuto

“Ecco chi sono i peggiori del 2023”. Mario Giordano senza freni: la classifica in diretta (VIDEO)

Pubblicato il 28/12/2023 11:59 - Aggiornato il 28/12/2023 14:08

Quella del 27 dicembre è stata l’ultima puntata di “Fuori dal coro” di questo folle 2023. E allora nel suo editoriale di puntata Mario Giordano ha tirato un po’ le somme dell’anno, concentrandosi soprattutto sui “peggiori“. Il giornalista stila la sua personale classifica, e non lascia fuori proprio nessuno. “Abbiamo visto troppe cose brutte in questo 2023, non vorrei vederle più nel 2024”, esordisce Giordano. Ma quali sono state le cose peggiori di quest’anno? Il conduttore di “Fuori dal coro” fa un podio, e nel gradino più basso, al terzo posto, ci sono “sicuramente gli eco-vandali o eco-teppisti. Sono quelli che hanno bloccato le automobili, le ambulanze, le mense. Sono anche quelli che hanno imbrattato i fiumi e le opere d’arte, dichiarando di usare metodi terroristici come hanno raccontato le nostre inchieste”. Al secondo e al primo podio? (Continua a leggere dopo il video)
>>> “Bloccato e aggredito da un robot”. Incidente choc in fabbrica: l’assurda ricostruzione
>>> La denuncia di Mario Giordano: “Ecco come si ammalano le persone sane a causa dei farmaci”

Sul secondo gradino del podio Mario Giordano mette “i silenzi colpevoli sul Covid. Tutti quelli che sono rimasti insensibili di fronte alle richieste di verità e giustizia. Quest’anno Fuori dal Coro ha raccontato, attraverso inchieste e documenti riservati, tutte le bugie che ci sono state dette. Milioni di persone sono state mandate a vaccinarsi senza dire loro e dare loro le informazioni che era necessario dare. Perché non si vuole fare chiarezza?”. E allora ecco Roberto Speranza in primo piano, indagato per omicidio colposo dopo le inchieste della trasmissione. Infine, al primo posto, sul gradino più alto dei peggiori, Mario Giordano mette “gli amici dei tagliagole”, quelli “che vogliono conquistare Roma. La conquista islamica dell’Europa sta già accadendo, senza che ce ne rendiamo conto, mentre è in corso un’invasione e delle persone scendono in piazza per difenderli, tagliando i ponti con le nostre radici e le nostre tradizioni”.

Ti potrebbe interessare anche: Gli ecoteppisti rovinano persino la messa di Natale: ma per loro finisce malissimo (VIDEO)