in

“Stiamo sbagliando tutto”. Pregliasco non molla e torna a parlare di Green pass

Il virus non è scomparso, né ha smesso di far paura. E abbassare la guardia potrebbe avere come conseguenza un autunno pesantissimo dal punto di vista di morti e contagi. Mentre l’Italia tira finalmente un sospiro di sollievo, preparandosi a vivere un’estate più libera, Fabrizio Pregliasco ha rilanciato l’allarme in vista dei prossimi mesi: “I timori di Fauci sul peggioramento della pandemia da ottobre? È condiviso da me e anche dall’Ecdc, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, che proprio in questi giorni ha rilanciato l’allerta sulle nuove varianti e su una situazione che dall’autunno potrebbe essere non piacevole”.

Ai microfoni di “Rotocalco 264”, trasmissione in onda su Cusano Italia Tv, Pregliasco ha menzionato il caso del Portogallo, a oggi caratterizzato da una prevalenza delle sottovarianti Omicron 4 e 5, non ancora presenti in Italia: “Queste varianti sono veramente contagiosissime e diventeranno prevalenti in breve tempo, causando quindi un impegno sanitario che potrebbe essere notevole. Tuttavia, queste varianti sono meno pesanti in termini di effetti sulla salute, ma attenzione: il virus non si è raffreddorizzato, come sento dire. Diciamo che si è un po’ rabbonito”.

Nonostante i dati incoraggianti, Pregliasco ha però avvertito: “Ricordo che in Italia è come se ogni giorno cadesse un aereo, perché contiamo 150 morti al giorno e che le nuove varianti sfuggono alla risposta immunitaria e alla memoria di guarigione. C’è infatti un 5% di reinfezioni ogni giorno e una decrescente efficacia della vaccinazione nel tempo. È chiaro che siamo in una fase in cui bisogna convivere col virus e che si dovrà rincorrerlo. Ma probabilmente a settembre avremo vaccini bivalenti, sempre prodotti da Pfizer e Moderna. Sono vaccini in grado di proteggere dall’originale virus di Wuhan e dalla variante Omicron”.

Secondo Pregliasco “in Italia attualmente i contagi sono molto più numerosi rispetto a quelli notificati, visto che non c’è più l’obbligo del Green Pass”. Dunque, stando al virologo, proprio l’abolizione dell’obbligo di certificazione verde, invocata da tanti rappresentanti di categoria, potrebbe aver portato a una sottovalutazione del pericolo. Inevitabile a questo punto aspettarci, con il ritorno dell’auturnno, che anche sul pass il governo possa tornare sui suoi passi, riproponendo le vecchie regole tanto odiate dagli italiani.

Ti potrebbe interessare anche: “Epurazioni, censura, purghe e slogan”. Giletti spara a palle incatenate. Polemica in tv

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Danni da vaccini Covid, è possibile richiedere il risarcimento. A chi spetta e come fare

“Il mercato ha fallito!” Il Nobel Stiglitz attacca l’avidità delle multinazionali: “Come ci salveremo”