x

x

Vai al contenuto

Conte bocciato dagli italiani: uno su due non crede più nel premier

Pubblicato il 08/06/2020 19:31

Gli italiani hanno smesso di credere in Conte e nelle sue rassicurazioni, spaventati da una crisi economica senza precedenti che rischia di farsi ancora più pesante nei prossimi mesi. Inutili le promesse di soldi in arrivo dall’Unione Europea, che si vedranno forse in un non meglio precisato domani. A certificare la paura dei cittadini è l’ultimo sondaggio realizzato da Euromedia Research e pubblicato in queste ore da La Stampa, che conferma sì un gradimento ancora alto per la figura del premier e per l’esecutivo, ma anche una preoccupazione crescente e che potrebbe portare presto a un voltafaccia verso Palazzo Chigi.

Conte bocciato dagli italiani: uno su due non crede più nel premier

Gli italiani, insomma, sembrano iniziare ad annusare un forte odore di bruciato. A partire dal protagonismo di Conte, che non vede ormai l’ora di presentarsi in conferenza stampa per far vanto di questo o quel traguardo raggiunto grazie al suo operato, e passando per una serie di impegni presi a parole ma difficilmente rispettati nei fatti. La cassa integrazione in deroga ha funzionato poco, male e in maniera confusa, il Recovery Fund annunciato dalla Commissione Ue darà i suoi frutti, nella migliore delle ipotesi, a partire dal 2021 e in maniera limitata, con quote crescenti negli anni successivi quando però potrebbe essere troppo tardi per tante aziende. E così ecco che di colpo i numeri smettono di sorridere ai giallorossi.

Conte bocciato dagli italiani: uno su due non crede più nel premier

Il 47,8% degli italiani, quasi la metà, boccia infatti in maniera netta l’operato del governo, senza appelli. Non che guardando dall’altra parte le cose vadano meglio: non è piaciuto ai cittadini nemmeno il comportamento delle opposizioni, che per il 61,2% è stato allo stesso tempo irresponsabile e incapace di fornire soluzioni alternative a quelle portate avanti dall’accoppiata Pd-Cinque Stelle. Una delusione bipartisan che rischia di far crescere nuovamente il fronte dell’antipolitica, aumentando il distacco tra il popolo e i propri rappresentanti, giudicati inadatti a svolgere il ruolo per il quale sono stati scelti.

Conte bocciato dagli italiani: uno su due non crede più nel premier

Conte, in tutto questo, ha perso quasi un punto intero di gradimento nel giro di una settimana (ora convince il 43,4% degli intervistati) con il governo in calo di mezzo punto al 34,2%. Percentuali in discesa, in entrambi i casi, di pari passo con l’aumentare delle preoccupazioni verso un futuro che, confermano anche le recenti stime Istat, sembra meno roseo che mai. E non bastano più le semplici promesse, a quanto pare, per spazzare via le nubi.

Ti potrebbe interessare anche: https://www.ilparagone.it/attualita/fitoussi-rivolte-europa-usa/