x

x

Vai al contenuto

Ferragni come il Joker! La copertina de L’Espresso fa riesplodere il caso: “Vi querelo se la pubblicate.” (FOTO)

Pubblicato il 07/03/2024 19:11 - Aggiornato il 07/03/2024 22:42

La crudele e ineluttabile legge del contrappasso si è abbattuta su Chiara Ferragni: i social erano il suo regno, e lei era la regina del regno dell’effimero. Ora, quegli stessi social divengono una gogna mediatica, come si usa dire. Nonostante gli “errori di comunicazione” e i “fraintendimenti” di cui dice di essere stata vittima, la sua strategia per rientrare nei cuori dei followers è miseramente naufragata e l’ospitata da Fabio Fazio a Che tempo che fa si è trasformata in un clamoroso boomerang. Ha perso il “tocco magico”. Lo dimostra l’analisi preparata da DeRev, società specializzata in strategia e comunicazione digitale, su cui torneremo. Frattanto, l’influencer ha conquistato la copertina de L’Espresso, in edicola da domani ma di cui già circola l’anteprima. E questa volta non si tratta di un servizio di elogi. Chiara Ferragni è finita in prima pagina con le sembianze di un clown, e per l’esattezze quelle del perfido Joker, per annunciare un’inchiesta sul suo lavoro: Ferragni spa, il lato oscuro di Chiara. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Si prostituivano per il crack, anche “insospettabili”: choc a Torino

chiara ferragni copertina espresso

L’ultima tegola: la copertina (e l’inchiesta) de “L’Espresso”

La controversa copertina lancia il servizio, all’interno del settimanale, che promette di far luce sull’intricato impero economico e tutte le scatole cinesi del brand Ferragni, perché ormai è ella stessa un brand. O, quantomeno, lo era. Fino alle ben note vicende. “Una rete ingarbugliata di società, una girandola di quote azionarie. Tra partner ingombranti, manager indagati e dipendenti pagati poco. L’influencer è a capo di un impero dove la trasparenza non è di casa“, così si apre il servizio de L’Espresso che uscirà in edicola domani. L’influencer si dichiara “denigrata e svilita nel giorno delle donne” e promette di passare alle vie legali. Dagospia, il portale più irriverente della Rete, ha invece pubblicato una raccolta di tutti i meme creati intorno a Chiara Ferragni, che oscillano tra il sarcastico e lo spietato. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Torna il Green pass, ma cambia nome ed è già in Gazzetta Ufficiale

chiara ferragni copertina espresso

L’analisi dei dati

Tornando alla ospitata da Fazio, secondo la società DeRev, martedì 5 marzo “le conversazioni sui social sono state caratterizzate da un sentiment negativo per il 69%, addirittura con un peggioramento rispetto al giorno prima, quando era al 66%. Dunque, come riporta la Repubblica, la “disapprovazione è salita al 57,3%, la rabbia al 16% e la tristezza all’11%.“Significa che la gran parte degli utenti social comincia a mostrare stanchezza per la vicenda Ferragni ha spiegato Roberto Esposito, CEO di DeRev non perché sia disposta o pronta a dimenticare l’accaduto, ma perché non è interessata a ogni singolo sviluppo”. Secondo Esposito, “da un punto di vista di strategia di comunicazione, Ferragni ha probabilmente sprecato un’occasione, raccogliendo consenso in chi già aveva scelto di non farglielo mancare, ma senza aumentarlo”. Anche la scelta di riattivare i commenti sul suo profilo di Instagram non è stata delle più felici: dopo l’intervista con un Fabio Fazio come di consueto ossequioso, sui circa ottomila commenti censiti la larga parte erano negativi. D’altronde non superavano le centinaia quando i Ferragnez erano ancora in auge. Dopo l’intervista, come quantifica la Repubblica, Ferragni ha perso altri 4.293 follower. In totale, sin dallo scoppio del Pandorogate, solo il primo dei guai giudiziari che la stanno coinvolgendo, hanno smesso di seguirla in 490.715. Mezzo milione di persone.

Potrebbe interessarti anche:  “Chi cerca l’indipendenza di Taiwan sarà liquidato”. La Cina attacca Biden, confermata l’alleanza con la Russia