in

Il CDC Usa cambia la definizione scientifica di “vaccino” per farci rientrare quello anti-Covid

Siamo arrivati a questo punto: non potendosi adattare le cure Covid alla definizione di vaccino, si è cambiata la definizione di vaccino perché si adatti alla cura. Esattamente così. Hanno cambiato la definizione per poter continuare a dire che quello che stanno inoculando a mezzo mondo è un vaccino, quando la realtà è un’altra. Ed è stato possibile scoprirlo grazie al cosiddetto FOIA (Freedom of Information act), la legge USA che obbliga alla diffusione delle informazioni, che ha svelato l’operazione del CDC americano, cioè il Centers for Desease Control. Eccovi le vecchie definizioni CDC di vaccino e vaccinazione e quelle nuove. (Continua a leggere dopo la foto)

Le vecchie definizioni sono state valide sino al 26 agosto 2021: “Vaccino: un prodotto che stimola il sistema immunitario di una persona a produrre immunità a una malattia specifica, proteggendo la persona da quella malattia. I vaccini vengono solitamente somministrati tramite iniezioni di ago, ma possono anche essere somministrati per via orale o spruzzati nel naso. Vaccinazione: l’atto di introdurre un vaccino nel corpo per produrre l’immunità a una specifica malattia”. Le definizioni CDC di vaccino e vaccinazione dal 1 settembre 2021, invece, saranno altre. (Continua a leggere dopo la foto)

Queste: “Vaccino: un preparato che viene utilizzato per stimolare la risposta immunitaria dell’organismo contro le malattie. I vaccini vengono solitamente somministrati tramite iniezioni di ago, ma alcuni possono essere somministrati per via orale o spruzzati nel naso. Vaccino: l’atto di introdurre un vaccino nel corpo per produrre protezione da una specifica malattia”. Come spiega Scenari Economici, questo ha causato parecchie polemiche. Si è passati da vaccini che “proteggono” verso la malattia, a semplice “stimolazione” del sistema immunitario. Un cambiamento non da poco. (Continua a leggere dopo la foto)

Praticamente, dato che è appurato che i vaccini covid non “proteggono” dal covid stesso, si è cambiata la definizione. A confermare come la definizione sia stata cambiata solo per poter contenere al proprio interno i vaccini covid-19, che, altrimenti, ne sarebbero stati esclusi si può consultare queste email del CDC ottenute tramite il FOIA: “Qualcuno al CDC nota che i vaccini NON sono vaccini secondo le loro definizioni. Quindi bisogna fare qualcosa”. Quindi dal primo settembre il CDC cambierà la propria definizione, e così la scienza si è piegata alla politica e a Big Pharma.

Ti potrebbe interessare anche: L’inchiesta di Bergamo travolge Speranza. Crolla la versione del ministro della Salute

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

“Via chi vuole distruggere l’Italia!”, l’iniziativa Italexit contro la visita di Lagarde

Un vaccino nasale “sicuro ed economico”: la scoperta che spaventa i colossi di Big Pharma