in

L’ad di Pfizer: “Ecco per quanto tempo faremo un vaccino all’anno”

Lo ha detto chiaro e tondo, magari sfregandosi anche ben bene le mani, o leccandosi i baffi. Con buona pace degli azionisti felici, l’ad di Pfizer, Albert Bourla, ha parlato della necessità di richiami “annuali” del vaccino ancora “per molto tempo a venire”. In un’intervista alla Bbc, Bourla ha spiegato che i vari booster sarebbero necessari per mantenere un “livello di protezione molto elevato”. Il mondo secondo lui dovrà quindi convivere con il Covid e quindi con il loro vaccino per “diversi anni”. (Continua a leggere dopo la foto)

L’amministratore delegato di Pfizer spiegava come la sua azienda abbia realizzato vaccini aggiornati in risposta alle varianti Beta e Delta, senza che questi fossero poi necessari. Ne consegue che l’azienda già ora sta lavorando a un siero in grado di rispondere alla variante Omicron che potrebbe essere pronto in 100 giorni. Notizia fra l’altro già trapelata nei giorni scorsi. Il capo di Pfizer ha sottolineato come i vaccini abbiano contribuito “a salvare milioni di vite durante la pandemia e senza di loro la struttura fondamentale della nostra società sarebbe minacciata”. (Continua a leggere dopo la foto)

I numeri di Pfizer sono impressionanti: prevedono di arrivare entro fine 2021 a 3 miliardi di dosi fornite, mentre per il prossimo anno conta di metterne sul mercato altre 4 miliardi. Nel 2022, ha spiegato Bourla, “i Paesi avranno tutte le dosi di cui hanno bisogno”. Anche la Gran Bretagna rende noto di essersi assicurata 114 milioni di dosi extra di vaccini Pfizer e Moderna per i prossimi due anni. (Continua a leggere dopo la foto)

La società si attende di incassare quest’anno 36 miliardi di dollari (31 miliardi di euro) e altri 29 miliardi nel 2022. È la seconda revisione al rialzo dall’inizio dell’anno. Solo nel terzo trimestre del 2021 il vaccino ha garantito ricavi per 13 miliardi di dollari. Intanto, come comunicato dal generale Figliuolo, in Italia 1,5milioni di dosi pediatriche di vaccino Pfizer saranno distribuite a dicembre. Mentre tutto il mondo scientifico è spaccato e mentre anche il presidente del comitato permanente tedesco per la vaccinazione ha detto che non vaccinerà i suoi figli perché mancano troppi dati.

Ti potrebbe interessare anche: Variante sudafricana, si sta avverando ciò che disse il Nobel Montagnier: le sue parole

“Non vaccinerei mio figlio”. Germania, bomba del presidente del Comitato vaccinazione

Danni collaterali, i danneggiati da vaccino si organizzano. Ecco le iniziative in programma