in

“Siamo i nuovi poveri”. Rivolte e bollette bruciate: esplodono le piazze

Pubblicato il 04/10/2022 09:21

Continuano le proteste in tutta Italia contro il caro energia. E come avviene ormai un po’ dappertutto, i manifestati si ritrovano insieme e bruciano le bollette, simbolo della crisi che sta devastando milioni di famiglie. Pensionati, artigiani, piccoli e medi imprenditori, famiglie monoreddito. Sono loro, siamo noi, tutti noi, quelli che non ce la fanno più. Quelli a cui l’inflazione sta levando il pane dalla tavola, quelli che non riescono più a fare la spesa. Quelli che uno stipendio non basta per pagare mutuo, bollette e vita. E così anche a Roma, capitale d’Italia, centro della politica, diverse persone si sono riunite davanti alla sede della Cassa Depositi e Prestiti per un sit-in di protesta organizzato dall’Unione sindacale di base (Usb) contro il carovita e gli aumenti dei prezzi di luce e gas. (Continua a leggere dopo la foto)

Hanno bruciato simbolicamente le bollette: “Siamo in tutta Italia davanti alle maggiori aziende dell’energia e alle sedi dei loro maggiori azionisti che in questa crisi si sono arricchite come mai prima”, hanno attaccato i sindacalisti. “Il governo Draghi è intervenuto in maniera insufficiente, ma anche la tassa minima del 25% sugli extraprofitti (un provvedimento che, in realtà, per come era stato scritto, non colpiva i profitti bensì il maggior valore aggiunto, ndr) non è stata pagata. Anzi, le aziende hanno fatto ricorso. In pratica, nel caso di Eni, vuol dire che l’azionista di maggioranza Cdp ha fatto ricorso contro lo Stato per non pagare”, hanno attaccato dall’Usb. (Continua a leggere dopo la foto)

Lo slogan della manifestazione era piuttosto chiaro: “Ladri di Stato, restituite quello che avete rubato”. Difficile dar loro torto. In piazza presenti diversi lavoratori che faticano a pagare dopo gli aumenti delle bollette: “Ho dovuto rateizzare una bolletta da 300 euro, oggi lavoratori come me sono diventati i nuovi poveri”, c’è chi spiega. E Usb denuncia: “Di fronte a questa situazione, proporre come fanno Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia, pronti a guidare il prossimo esecutivo, di cancellare il reddito di cittadinanza, ci sembra una follia”. (Continua a leggere dopo la foto)

Attaccano: “Si rischiano rivolte popolari, si sappia che per noi l’autunno sarà caldissimo”. Sul sito de Il Fatto Quotidiano, presente alla manifestazione a Roma, è possibile vedere il Video dei manifestanti che bruciano le bollette. Eventi simili sono stati eseguiti su tutto il territorio nazionale, e sembrano destinati ad aumentare nei prossimi giorni.

Ti potrebbe interessare anche: “Trovate tracce di mRna”. Lo studio choc che ora allarma milioni di mamme nel mondo

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Ecco come l’Europa punta a commissariare l’Italia. La strategia di Germania e Ue per stringere il cappio

“Resti Franco o Mattarella convinca Panetta”. Lo psicodramma del centrodestra. “Non tradite gli elettori!”