in ,

AstraZeneca, altra tegola: “Dopo il vaccino, per giorni, ci si contagia di più”. Lo studio

Un nuovo studio getta altre ombre sul vaccino AstraZeneca. Pubblicato sul British Medical Journal (BMJ), una delle testate scientifiche più autorevoli del mondo, lo studio effettuato dagli esperti ha rilevato dalle statistiche del Covid per fasce di età che nei 7-10 giorni successivi a un turno di vaccinazione saliva la curva dei contagi proprio nella fascia che era appena stata vaccinata con le fiale AstraZeneca. Come riporta Il Tempo, “il ministero della Salute ha fatto subito indagini e ha ordinato una sorta di sondaggio fra i vaccinati, scoprendo quella che poteva essere la ragione: una volta ricevuta la puntura i vaccinati si sentivano più protetti degli altri e allentavano le difese”. Un errore: perché? (Continua dopo la foto)

Perché con AstraZeneca la parziale immunità della prima dose si raggiunge solo dopo molti giorni. “Fra il primo e l’ottavo giorno dalla vaccinazione così è raddoppiata l’incidenza dei contagi nella fascia di età interessata. Analoga rilevazione è stata riscontrata per altro in Israele”. Scrive il BMJ: “Un sondaggio dell’Ufficio per le statistiche nazionali del Regno Unito, che esamina gli atteggiamenti e i comportamenti del coronavirus e dei vaccini in Inghilterra a febbraio, mostra perché questi picchi potrebbero verificarsi. Tra gli ultraottantenni che avevano ricevuto la prima dose di un vaccino nelle tre settimane precedenti, il 41% ha riferito di aver incontrato qualcuno diverso da un membro della famiglia, un operatore sanitario o un membro della loro bolla di sostegno in casa dopo la vaccinazione, infrangendo così le norme di blocco”. (Continua dopo la foto)

Ti potrebbe interessare anche: Ecco l’eredità del governo Conte: attività chiuse e mancette. L’urlo dei ristoratori

Nell’articolo si aggiunge: “Guardando entrambi i filoni della ricerca – da Israele e dal Regno Unito – è ragionevole suggerire che le persone stanno abbassando la guardia dopo aver preso la loro prima dose”, ha detto James Rubin, professore di psicologia dei rischi per la salute emergenti al King’s College, “la ricerca ha dimostrato che immediatamente dopo la prima fiala le persone hanno maggiori probabilità di dimenticare le distanze sociali, incontrare persone fuori dalla loro famiglia o bolla e incontrarle in casa”. (Continua dopo la foto)

Il team del King’s College ha notato che “l’avvertimento sull’effetto ritardato dell’immunizzazione non compare fino a pagina 7, penultima pagina, del foglietto illustrativo distribuito durante la vaccinazione. Ma potrebbero essere necessarie una o due settimane prima che il tuo corpo crei una certa protezione dalla prima dose di vaccino. Come tutti i medicinali, nessun vaccino è completamente efficace”.

Ti potrebbe interessare anche: Ecco l’eredità del governo Conte: attività chiuse e mancette. L’urlo dei ristoratori

Una mancetta a chi perde tutto. Draghi come Conte ignora la realtà

L’ex investigatore di Mani Pulite che oggi aiuta i truffati dalle banche