in

Lavoro, italiani così disperati che non lo cercano più. L’Istat: “Persi 274mila posti”

Le nuove stime Istat su aprile danno una prima idea delle conseguenze del lockdown nel nostro Paese. Numeri da far venire i brividi: quasi 275mila occupati in meno – 400mila in meno in due mesi – e 746mila persone in più che non hanno un posto e non lo cercano. Il forte calo della disoccupazione (il tasso scende al 6,3% dall’8% di marzo) è ovviamente solo un’illusione ottica perché, come spiega Il Fatto Quotdiano, sono censiti come disoccupati coloro che stanno cercando attivamente lavoro e con l’economia ferma la maggior parte delle persone ha rinunciato, andando a gonfiare (+746mila appunto) la platea degli inattivi.

L’occupazione, commenta l’Istat, “ha registrato una diminuzione di quasi 300mila unità, che ha portato nei due mesi a un calo complessivo di 400mila occupati e di un punto percentuale nel tasso di occupazione”. Il calo è stato generalizzato: coinvolge donne (-1,5%, pari a -143mila), uomini (-1,0%, pari a -131mila), dipendenti (-1,1% pari a -205mila), indipendenti (-1,3% pari a -69mila) e tutte le classi d’età, portando il tasso di occupazione al 57,9% (-0,7 punti percentuali). Nell’ultimo anno, tra aprile 2019 e aprile 2020, si conta quasi mezzo milione di posti in meno.

Una riduzione che ha colpito “i dipendenti temporanei (-480mila), gli autonomi (-192mila) e tutte le classi d’età, con le uniche eccezioni degli over50 e dei dipendenti permanenti (+175mila)”. Nel confronto annuo anche le persone in cerca di lavoro, i disoccupati, “calano in misura consistente” (-41,9%, pari a 1 milione 112mila unità), mentre aumentano gli inattivi tra i 15 e i 64 anni (+11,1%, pari a +1 milione 462mila). Insomma, gli italiani non solo non hanno un lavoro, ma sono così disperati in questo momento da non provare neanche più a cercarlo. E in tutto questo le risposte del governo non sembrano arrivare.

Intanto la Fipe (Federazione Italiana pubblici esercizi), nel corso dell’audizione parlamentare, qualche giorno fa, partendo dai dati, ha evidenziato la differenza dal 2019: “Prima della pandemia da Covid-19, la sola ristorazione contava 330.000 imprese, con 90 miliardi di euro di fatturato e 1,2 milioni di addetti, costituendo il settore che ha contribuito maggiormente alla tenuta e alla crescita dell’occupazione nel corso degli ultimi dieci anni. Un settore che rappresenta un terzo del valore aggiunto dell’intera filiera agroalimentare nazionale, con 46 miliardi di valore aggiunto su un totale di 125 e con oltre 20 miliardi di euro di materie prime agricole acquistate ogni anno”. Il governo che fa?

Ti potrebbe interessare anche: “Perché la ‘sovranista’ Giorgia Meloni guarda al Fondo Monetario internazionale?”

“Perché la ‘sovranista’ Giorgia Meloni guarda al Fondo Monetario internazionale?”

Ecco come Conte attiverà il Mes! Lo scoop del famoso quotidiano