in

Plebiscito Putin. Il sondaggio che gela l’occidente (e anche gli oligarchi)

Pubblicato il 05/04/2022 20:59

Il Levada Center, organizzazione russa indipendente e non governativa, sancisce una pesante verità: la Russia è sempre più di Vladimir Putin. “La solita propaganda russa” dirà qualcuno, ma badate bene, non si parla assolutamente di un sondaggio pro-Putin.
(Continua a leggere dopo la foto)

Il sondaggione

Lev Gudkov del Centro Levada, citando il recente sondaggio dell’ente, afferma che «la popolarità del presidente russo per ora è in salita. E sempre più gente sostiene l’offensiva in Ucraina. La percentuale di quanti credono che il Paese stia andando verso la giusta direzione è aumentata notevolmente». Siamo ormai oltre il mese di guerra e il tasso di approvazione del sempiterno Putin è balzato dal 71% di febbraio all’83% di marzo. Sul discorso Bucha, Gudkov spiega a Repubblica che: «La gente non protesterà per quello che è successo perché è stata convinta che non sia reale. Tutte le reti tv mandano in onda solo smentite. Dicono che si è trattato di una messinscena, di una montatura».
(Continua a leggere dopo la foto)

Una situazione diversa

Pare che la situazione in Russia si abbastanza diversa da quella che viene dipinta in Occidente. Dalla ricostruzione del quotidiano, infatti, i dissidenti sembrano essere ben pochi e ai vertici non c’è stato alcun esodo, anche perché le sanzioni nei confronti degli oligarchi hanno ottenuto l’effetto opposto a quello sperato dall’Occidente. La giornalista Farida Rustamova, infatti, ha spiegato chiaramente che, in merito ad un possibile colpo di stato da parte delle élite oligarchiche, seppur molti «si sentono offesi, non rovesceranno proprio nessuno».
(Continua a leggere dopo la foto)

I fatti sono due: o sui media italiani vengono riportate falsità ed inesattezze, oppure in Russia sono completamente impazziti. Ai lettori l’ardua sentenza.

Potrebbe interessarti anche: Gas e democrazia. Chi sono i paesi (tutt’altro che democratici) alternativi alla Russia

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Gas e democrazia. Chi sono i paesi (tutt’altro che democratici) alternativi alla Russia

“O così o niente soldi”: ecco il nuovo ricatto dell’Ue alle nazioni che non si adeguano