in

“Avrebbero danneggiato i consumatori”. Assicurazioni, indaga l’Antitrust

L’Antitrust, l’autorità italiana di tutela della concorrenza, ha avviato un’istruttoria nei confronti di UnipolSai, Generali e Allianz per pratiche commerciali scorrette. Lo fa sapere una nota dell’authority, ripresa da affaritaliani.it. Sotto la lente dell’Autorità la fase di liquidazione dei danni da sinistri Rc auto. In particolare, tutte e tre le compagnie assicurative avrebbero realizzato una “pratica commerciale aggressiva”, ostacolando il diritto dei consumatori danneggiati ad accedere agli atti dei fascicoli dei sinistri “attraverso comportamenti dilatori, ostruzionistici o di ingiustificato diniego alle istanze presentate”.

“Il 26 novembre sono state condotte ispezioni nelle sedi delle tre società, in collaborazione con il Nucleo Speciale Antitrust della Guardia di Finanza, conclude la nota”. Allianz e Generali hanno dichiarato che stanno collaborando con l’autorità. Allianz inoltre “confida di poter dimostrare l’attenzione che la Compagnia ha sempre dedicato alle tematiche oggetto di indagine”.

Generali “afferma la correttezza di tutte le pratiche verso i clienti e sottolinea che la propria condotta e relazione con la clientela sono sempre improntate ai principi di massima correttezza e trasparenza”. Non è stato possibile avere un commento da UnipolSai. Queste sono le prime tre compagnie assicurative per premi in Italia, secondo la classifica Ania del 2019.

Ora i consumatori sono in attesa di nuovi sviluppi per capire come comportarsi dopo questa istruttoria dell’Antitrust su Unipol, Generali, Allianz per pratiche scorrette per le loro Rc auto. Secondo l’authority le compagnie avrebbero ostacolato il diritto dei consumatori danneggiati ad accedere agli atti dei fascicoli dei sinistri.

Ti potrebbe interessare anche: Ecco come grazie al Covid le superpotenze stanno finendo di colonizzare l’Africa

“Una soluzione magica”. La virologa attacca Speranza: “Vaccinarsi a gennaio è prematuro”

I negozi chiudono, l’economia è ferma e il governo a cosa pensa? Alla lotteria degli scontrini