in

Vogliono promuovere la Boschi, la Castelli e pure Bonafede! Al peggio non c’è limite

Sono pronti a rimescolare il mazzo di carte. Le carte gira e rigira sarebbero comunque sempre le stesse, ma, stando a quanto riferisce la Repubblica, verrebbe da dire ‘al peggio non c’è mai limite’. 

Aumentano le pressioni per un bel blitz prima delle regionali. In corsa per una promozione degna del fantastico mondo di ‘Promettopoli’, “Maria Elena Boschi, Laura Castelli, Graziano Delrio e non si esclude perfino Bonafede! 

Paola De Micheli, ministra dei Trasporti, potrebbe essere rimpiazzata dal copogruppo pd alla Camera Graziano Delrio. La responsabile del Lavoro Nunzia Catalfo verrebbe sostituita dalla viceministra del Tesoro grillina Laura Castelli (a cui subentrerebbe Stefano Buffagni, sempre più insofferente al Mise).

A Renzi e al Pd non dispiacerebbe che Bonafede lasciasse la giustizia, per lasciare il posto al vicesegretaro dem Orlando, pronto in alternativa ad affiancare Fraccaro come sottosegretario a Palazzo Chigi. 

Ovviamente, riferisce sempre il quotidiano la Repubblica, “essendo il Guardiasigilli grande amico del premier e capodelegazione 5s, verrà spostato solo se potrà succedere a Lamorgese”. “Cosa molto improbabile”, a detta di un ministro dem: “In nessun governo di coalizione è mai accaduto. I grillini hanno già gli esteri con Di Maio, non possono prendere pure l’interno”. Ma siccome sappiamo, come abbiamo detto prima, che ‘al peggio non c’è davvero mai limite’ non sorprenderebbe se ciò accadesse.

Sembrerebbe invece, che Matteo Renzi stia spingendo affinchè la Boschi, capogruppo di Italia Viva, guidasse i due ministeri unificati, della Scuola e dell’Università. In effetti la ministra Azzolina ha fatto troppo (poco) discutere in merito alla gestione di questo Governo del mondo dell’istruzione. Servirebbe una folata di aria fresca per alzare ulteriori burrasche. 

Silenzio sul report che svela infiltrazione della camorra nell’ospedale campano. Il Governo rimanda per aiutare De Luca?

Sbarchi dei migranti e contagi, il pasticcio brutto dei test sierologici