in

Ecco perché la variante Delta sta già scomparendo. Lo studio rivoluzionario del Giappone

Pubblicato il 24/11/2021 10:20

Gli scienziati dell’Istituto Nazionale di Genetica e dell’Università di Mishima, in Giappone, hanno teorizzato che l’improvviso crollo dei casi sia dovuto al fatto che un eccesso di mutazioni avrebbe portato la variante Delta ad “autoestinguersi” e quindi a scomparire lentamente. Come spiegato in un interessante articolo pubblicato da Caterina Galloni su Blitz Quotidiano, “la variante dominante Delta del coronavirus sta sparendo per ‘autoestinzione’ come è già accaduto in Giappone. Secondo gli scienziati nel Paese attualmente ci sono solo 140 casi al giorno nonostante la variante Delta sia comparsa ben tre mesi fa”. (Continua a leggere dopo la foto)

Alla fine dell’estate il Giappone ha subito l’ondata più forte. Ad agosto, c’è stato un picco di circa 23.000 casi al giorno. “Tuttavia la scorsa settimana l’ondata si è interrotta bruscamente ed è quasi completamente scomparsa. Tokyo che ha registrato solo 16 nuovi casi, ricorda il Sun. Quando un virus si replica, i suoi geni subiscono casuali ‘errori di copiatura’ che, nel tempo, portano a cambiamenti nella struttura dei virus. Le mutazioni possono metterlo in grado di diffondersi, eludere l’immunità o causare gravi malattie. Ma in alcune occasioni, secondo gli esperti, queste mutazioni arrivano a un ‘punto morto dell’evoluzione'”. (Continua a leggere dopo la foto)

Secondo gli scienziati giapponesi la variante Delta avrebbe accumulato un eccesso di mutazioni a carico di una proteina chiamata nsp14, responsabile della correzione degli errori di copiatura durante la replicazione virale. Ciò avrebbe portato la variante Delta all’autodistruzione, come ha detto il professor Inoue al Japan Times. (Continua a leggere dopo la foto)

“Siamo rimasti letteralmente scioccati dai risultati. In Giappone la variante Delta era altamente trasmissibile e respingeva altre varianti. Pensiamo che man mano si accumulavano le mutazioni sia diventato un virus difettoso, non più in grado di replicarsi. Considerando che i casi non sono aumentati, riteniamo che durante le mutazioni ad un certo punto si sia diretto all’estinzione naturale”. Inoue ha affermato che se Delta fosse ancora presente continuerebbe a diffondersi.

Ti potrebbe interessare anche: “Super green pass? Palese incostituzionalità, è gravissimo”: ecco come Cacciari boccia la nuova stretta punto per punto

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Draghi accelera, il Super Green pass arriverà a brevissimo: la decisione del governo

Corte Costituzionale: “Ecco perché il lockdown per non vaccinati è difficilmente praticabile”