in

“Vaccini, reazioni diverse tra uomo e donna”. La scoperta che cambia tutto: cosa succede dopo l’iniezione

Pubblicato il 17/09/2022 13:05

Nei mesi in cui finalmente si è iniziato a parlare dei rischi legati agli effetti avversi e si è messa in discussione la reale efficacia dei vaccini, ecco emergere un altro dettaglio del quale, fino a oggi, la scienza non si era occupata: uomini e donne reagiscono in maniera diversa alla somministrazione e la durata della protezione varia a seconda del sesso.

Le donne, stando a quanto emerso, rispondono meglio alla vaccinazione, ma vedono anche durare meno la protezione. Un risultato evidenziato il 17 settembre durante il Congresso Internazionale di Medicina di Genere, ospitato al Centro Congressi di Padova, nel corso del quale è stato presentato in via preliminare il risultato di uno studio dell’Istituto Superiore di Sanità che ha esaminato la diversa risposta ai vaccini negli operatori sanitari.

Per valutare la reazione agli anticorpi anti-Spike a due dosi di vaccino a mRNA, i ricercatori hanno raccolto i dati degli operatori sanitari, i primi a essere esposti all’infezione da Covid e i primi a ricevere la vaccinazione. Sono stati esaminati i dati di 136 maschi e 385 femmine, vaccinati con due dosi, che lavorano in un ospedale a Roma. Per tutti gli individui i livelli di anticorpi anti-Spike sono stati misurati a diversi intervalli di tempo: 16 giorni dopo la seconda dose di vaccino; 77 giorni dopo e 154 giorni dopo.

Il risultato è che tra 15 e 150 giorni dopo la seconda dose, il personale sanitario femminile ha mostrato titoli anticorpali anti-Spike 1,7 volte più alti rispetto ai maschi quindi la risposta è più elevata nelle donne che negli uomini. Ma 154 giorni dopo la seconda dose i titoli anticorpali anti-Spike risultavano diminuiti significativamente, fino a raggiungere livelli simili sia nei lavoratori di sesso maschile che femminile. Anche se gli anticorpi diminuiscono in entrambi i sessi dopo alcuni mesi dal vaccino, dunque, di fatto il calo è più veloce nelle donne.

Ti potrebbe interessare anche: Pandemia a trasmissione sessuale. E per non restar “disoccupati”, ecco cosa s’inventano le virostar

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“O ti fai spiare o non entri in città”. L’ultima trovata del sindaco PD: “Un Grande Fratello”

Muore a 9 anni per un malore improvviso. I genitori chiedono verità, disposta l’autopsia