Vai al contenuto

Usa, i giudici dicono No al Green pass sul lavoro per le aziende private. Schiaffo a Biden

Pubblicato il 13/11/2021 11:46

Negli Usa una corte d’appello federale, quella di New Orleans, ha bloccato il vaccino o l’obbligo di test imposto dall’amministrazione Biden per le imprese private, offrendo un’altra battuta d’arresto politica a una delle politiche sanitarie pubbliche firmate dalla Casa Bianca. Una giuria di tre giudici della Corte d’appello degli Stati Uniti per il quinto circuito, guidata da un giudice nominato dal presidente Ronald Reagan e da altri due nominati dal presidente Donald Trump, ha emesso la sentenza venerdì, dopo aver sospeso temporaneamente il mandato lo scorso fine settimana in risposta alle cause intentate da imprese e gruppi legali allineati ai repubblicani. Definendo il requisito un “mandato”, la corte ha affermato che la norma, istituita attraverso il Dipartimento del lavoro, “supera grossolanamente l’autorità statutaria dell’OSHA”, secondo il parere, scritto dal giudice Kurt D. Engelhardt e affiancato dai giudici Edith H. Jones e Stuart Kyle Duncan. (Continua a leggere dopo la foto)

“Piuttosto che un bisturi maneggiato con delicatezza, il “mandato” è una mazza adatta a tutti che non fa quasi alcun tentativo di spiegare le differenze nei luoghi di lavoro (e dei lavoratori) che hanno più di un piccolo impatto sui vari gradi di suscettibilità dei lavoratori al presumibilmente “grave pericolo” che il Mandato pretende di affrontare”, hanno scritto. Hanno affermato di ritenere che la sentenza imponesse un onere finanziario alle imprese e potenzialmente violasse la clausola del commercio della Costituzione. “Il mandato impone loro un onere finanziario delegando la loro partecipazione allo schema normativo dell’OSHA, li espone a gravi rischi finanziari se rifiutano o non rispettano e minaccia di decimare la loro forza lavoro (e le prospettive di business) costringendo i dipendenti non disposti a prendere il loro colpi, fare i loro test o mettersi in viaggio “, hanno scritto i giudici Usa. (Continua a leggere dopo la foto)

Come riporta il WashingtonPost, negli Usa il quinto circuito con sede a New Orleans è considerato una delle corti d’appello più conservatrici del paese. Il mandato del vaccino è stato rilasciato dall’amministrazione Biden la scorsa settimana dopo settimane di deliberazioni. Dice che i datori di lavoro privati ​​con più di 100 dipendenti devono richiedere al personale di essere vaccinato o affrontare test settimanali e mascheramento obbligatorio. Possono essere esentati i lavoratori che non lavorano in loco o con altri. Anche se l’opzione di test lo rende più morbido di molti dei requisiti istituiti da aziende private e governi statali e municipali, ha subito un forte contraccolpo da parte di un coro di gruppi conservatori, imprese e funzionari principalmente repubblicani. Il tribunale ha sospeso la politica, prevista per l’entrata in vigore il 4 gennaio, e ha ordinato all’Amministrazione per la sicurezza e la salute sul lavoro di non intraprendere ulteriori misure per attuare o far rispettare il mandato. (Continua a leggere dopo la foto)

Non è chiaro se il 5° Circuito determinerà le sorti del mandato in tutti gli Usa. L’amministrazione Biden aveva chiesto al V Circuito di sospendere la decisione fino a quando la prossima settimana non si potrà organizzare una lotteria giudiziaria per consolidare diverse impugnazioni al mandato davanti a un’unica corte d’appello. I funzionari federali hanno trascorso settimane a elaborare la politica, consapevoli dell’elevato numero di sfide legali che avrebbe dovuto affrontare, ma credendo che l’ordine rientrasse nei poteri del Dipartimento del lavoro per mantenere i luoghi di lavoro liberi da “gravi pericoli” in tempi di emergenza. Il requisito è supportato dalla maggioranza del pubblico americano, secondo i sondaggi di opinione pubblica, ed è un passo fondamentale per aumentare i tassi di vaccinazione e tenere la pandemia più saldamente sotto controllo, affermano gli esperti di salute pubblica. (Continua a leggere dopo la foto)

E i mandati sembrano aver contribuito a guidare l’aumento dei tassi di vaccinazione tra le popolazioni target. United Airlines, che aveva uno dei mandati più severi per un importante vettore aereo, ha affermato che il tasso di vaccinazione dei suoi dipendenti è aumentato a oltre il 99%. Delta, che ha utilizzato sanzioni pecuniarie e requisiti di test, ha visto il tasso di vaccinazione dei dipendenti salire al 90% dal 75%. Molti ospedali di New York e della California hanno visto aumentare i tassi di vaccinazione di oltre il 90% entro le scadenze dei mandati degli stati per gli operatori sanitari.

Ti potrebbe interessare anche: Green pass, Gianluigi Paragone smaschera il governo: “Dietro c’è la riscossione delle tasse”