in

TikTok censura Paragone, Stramezzi e Mori. Scoppia il caso: “Incitamento all’odio”

Pubblicato il 21/08/2022 18:38 - Aggiornato il 21/08/2022 18:39

“TikTok blocca il video pubblicato sul mio canale di @gparagone e @AStramezzi che parlano del programma di #italexit, peraltro pacatamente, per incitamento all’odio. E poi ancora mi parlate di democrazia in questo Paese? Tutti i social sono sotto costante censura”. La denuncia arriva dall’Avv. Marco Mori e dimostra, ancora una volta, come il sistema dei social network abbia bisogno di una serissima revisione.
(Continua a leggere dopo il tweet)

“Facciamo paura. Del resto, nel video chiediamo adeguate tasse anche per le multinazionali, di cui fanno parte anche loro. Vuol dire che siamo sulla strada buona. Forza, ce la faremo”. Questa è la replica del Dott. Andrea Stramezzi, in un retweet del precedente post di Marco Mori. La vicenda sta suscitando non poche polemiche e fa tornare nuovamente in auge il tema della censura arbitraria da parte di quelle che dovrebbero essere delle semplici piattaforme di divulgazione di contenuti.
(Continua a leggere dopo il tweet)

Contenuti che certamente devono essere regolamentati da delle linee guida volte alla tutela degli utenti, ma che troppo spesso, invece, diventano un vero e proprio bavaglio per chi utilizza il web per trasmettere delle idee controcorrente. Concetti che, di certo, non sono lesivi per nessuno, se non per le multinazionali che gestiscono proprio quegli stessi social network che troppo spesso si ergono a giudici del pensiero.
(Continua a leggere dopo la foto)

La censura nel web, a partire dai social network fino ad arrivare a YouTube, è un problema che negli ultimi due anni è andato aggravandosi di molto, colpendo anche alcune testate giornalistiche legalmente registrate come tali solo per aver riportato notizie e testimonianze documentate con le relative fonti. Noi stessi siamo stati censurati più volte solo per aver riportato le parole di Luc Montagnier, prendendoci avvisi e ban. Una situazione assolutamente odiosa ed insopportabile per chi fa della tutela della libertà, sia essa fisica, di pensiero o di parola, un proprio principio cardine. Per questi motivi Italexit – Per l’Italia con Paragone si impegnerà affinché questa censura selvaggia e discriminatoria della libertà di pensiero e di parola venga ben regolamentata in futuro.

Potrebbe interessarti anche: “Io mi vergognerei”. La dottoressa asfalta il governatore di centrodestra che ha assunto 500 medici cubani

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Io mi vergognerei”. La dottoressa asfalta il governatore di centrodestra che ha assunto 500 medici cubani

“Obbligo vaccinale opportuno e necessario”. Scuola, brutte notizie per gli insegnanti: cosa li aspetta al rientro in aula