in

Si accascia in diretta, durante la video chiamata. Malori improvvisi, continua la “strage”

Pubblicato il 07/10/2022 11:36

Stava partecipando a una videoconferenza a distanza con alcuni colleghi quando, improvvisamente, ha perso i sensi e si è accasciato davanti al proprio monitor, sotto gli occhi degli altri partecipanti. A nulla è servita, purtroppo, la rapidità con cui sono stati avvisati i soccorsi: l’uomo, 32 anni, è morto sul colpo, vittima dell’ennesimo “malore improvviso” in questo assurdo 2022, in cui episodi del genere si susseguono a cadenza quasi giornaliera.

Come spiegato dal Messaggero, il giovane viveva in un paesino alle porte di Udine. Quando l’hanno visto piegare la testa in avanti, senza più rialzarla, un collega della Campania e un altro del Veneto collegati con lui in diretta hanno subito telefonato al 118, segnalando l’accaduto. Sfortunatamente non conoscevano il suo indirizzo di residenza, dettaglio che non ha permesso di intervenire immediatamente.

Con una veloce ricerca in anagrafica nazionale, dalla Centrale operativa Sores Friuli Venezia Giulia è stata individuata l’ultima residenza ufficiale della persona colta da malore, nei pressi di Cividale del Friuli, da dove è stata inviata in pochi minuti un’ambulanza. Giunto sul posto, l’equipaggio ha compreso trattarsi dell’abitazione dei genitori e che la vittima di malore risiedeva invece in un altro paese, poco distante da Udine. A quel punto gli operatori della Sores hanno tempestivamente inviato una seconda ambulanza all’indirizzo indicato dai genitori, nel frattempo assistiti dal personale sanitario del primo mezzo.

Una volta arrivati sul posto, però, i Vigili del fuoco e i soccorritori non hanno potuto far altro che constatare il decesso del ragazzo. A niente sono servite le manovre di rianimazione del giovane, che non più riaperto gli occhi.

Ti potrebbe interessare anche: Isee, novità per le famiglie: meno vincoli, accesso più facile e durata più lunga. Come cambia

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“C’è il rischio dell’Armageddon nucleare”. Biden spaventa il mondo

Quando a Sigonella, 37 anni fa, Craxi rese l’Italia un Paese sovrano – Il Video