in

Flop Sardine, ecco l’inizio della fine: a Scampia solo un pugno di persone

Può essere considerato l’inizio della fine. A Scampia va un scena il “de profundis” per le sardine. La manifestazione indetta in uno dei quartieri simbolo della criminalità organizzata a Napoli non ha avuto il successo sperato. “Dobbiamo valutare se ci hanno percepito come un corpo estraneo”, ha detto una dei promotori, Antonella Cerciello, commentando quello che per tutti è stato un vero e proprio flop. “Qui la realtà è complessa”, ha aggiunto. Come riporta Il Fatto Quotidiano, le Sardine, davanti alla stazione Piscinola-Scampia della Metropolitana Linea 1 di Napoli, hanno raccolto poche decine di simpatizzanti, qualche attivista del Comitato elettorale di Sandro Ruotolo, padre Alex Zanotelli, due operai con le casacchine della Whirlpool e gli ex trotzkisti de “La Comune”.

“Probabilmente abbiamo utilizzato una modalità di comunicazione sbagliata”, ha detto Bruno Martirani, uno dei promotori della manifestazione, “ma abbiamo incontrato il Gridas ed alcune associazioni e torneremo a Scampia, prima delle manifestazione nazionale del 14-15 marzo”. La distanza con l’altra piazza della sinistra che si è radunata in contemporanea davanti alla sede del “Comitato Vele”, vicino alla Villa Comunale, riguarda anche il linguaggio.

“Su Scampia ci vuole una contronarrazione – ha detto Antonella Cerciello – perché il quartiere è cambiato”. Alle 17 il corteo della sinistra radicale, dietro lo striscione “Scampia non si lega”, è partito verso la Villa Comunale. La Sardine hanno deciso di seguirlo, ma il contatto non è riuscito. Appuntamento rinviato, promettono le Sardine. “C’è stato un misunderstanding” ha detto ai giornalisti Michele Esposito, delle Sardine di Sorrento provando così a minimizzare l’accaduto.

“Non chiedeteci della prescrizione – afferma Michele Festa – non siamo ancora un soggetto politico, vogliamo ricucire lo scollamento tra la sinistra politica e la sinistra sociale”. Alla domanda se questo richieda un cambio dei dirigenti attuali della sinistra, la sua risposta è: “Certo”. Ma, al di là, di questo, quel che appare evidente è che il fenomeno delle Sardine rischia di sgonfiarsi prima del previsto. Ad aggravare la situazione, poi, c’è stato il recente episodio della foto con i Benetton, scattata da quel Toscani che ha dichiarato “chi se ne frega se crolla un ponte”.

Ti potrebbe interessare anche: La svolta Green è sempre più necessaria: ogni anno in Italia muoiono per l’inquinamento 84 mila persone

La svolta Green è sempre più necessaria: ogni anno in Italia muoiono per l’inquinamento 84 mila persone

L’ultima idea del governo: aumentare l’Iva ad alberghi e ristoranti