in

Il ricatto di Ricciardi: attenuare lo stato d’emergenza? Solo se vacciniamo anche i minori

Ha dell’incredibile la lunga intervista rilasciata a Repubblica dal professor Walter Ricciardi, ordinario di Igiene alla Cattolica e consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza. Si parla di vaccini e stato d’emergenza. E il professore, candidamente, si lascia andare ad alcune considerazioni che fanno tremare le vene ai polsi. Il governo, e i suoi tecnici, continuano a parlare come se le nostre libertà fossero delle “concessioni” che loro – solo se siamo buoni e seguiamo le loro regole – possono elargirci. L’ultimo ricatto arriva proprio sul tema dei vaccini ai minori. Il ragionamento è: vacciniamo tutti gli under-18 e vi concediamo un attenuazione dello stato d’emergenza. Ma è mai possibile in un Paese civile e democratico? (Continua a leggere dopo la foto)

“Il 90% vaccinato? Sicuramente quella percentuale ci porrà in una condizione di maggiore serenità – ha affermato Ricciardi nell’intervista a Repubblica – . Non è sufficiente a eradicare il coronavirus perché i bambini non sono ancora coinvolti nella campagna ma comunque darà un contributo straordinario alla sicurezza. Già adesso il problema sta diventando individuale e non collettivo, il sistema sanitario non è sotto pressione. Quindi il 90% va bene ma quando si potranno vaccinare anche i bambini dovremo mantenere la stessa copertura sul totale della popolazione”. (Continua a leggere dopo la foto)

L’obbligo del Green pass, secondo Ricciardi, ha già rivelato la sua efficacia e la dimostrerà ulteriormente: “Ci permetterà di tornare alla normalità e svolgere in sicurezza le attività al chiuso, alle quali non parteciperanno soggetti infetti e contagiosi”. Per quanto riguarda le polemiche di una parte di lavoratori, “a protestare sono una minoranza”, ha sminuito il professore, nascondendo però i veri dati delle proteste. Quando si potrà togliere lo stato d’emergenza? E qui la risposta di Ricciardi… (Continua a leggere dopo la foto)

“Diciamo che ci avviamo per lo meno a una situazione di sicurezza, anche se la pandemia non è finita. Quindi il nostro stato di emergenza pian piano si può attenuare. Siamo però circondati da Paesi, sia europei, con dati all’Est drammatici, per non parlare del resto del mondo, Usa in primis, dove ci sono numeri raccapriccianti. E ne usciremo quando tutti nel mondo si vaccineranno“. Quindi fino a quel giorno il governo ci terrà in stato d’emergenza? Il punto è che, stando ai dati, lo stato di emergenza non ha più ragione di esistere. E questo a loro fa paura. Molta paura.

Ti potrebbe interessare anche: “Stop al monopolio di Big Pharma”. L’Ue dice No all’appello lanciato da Oxfam

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Vaccinato con doppia dose, muore di Covid un medico di famiglia

Green Pass, carabinieri decimati. In un paese lavora soltanto uno: il caso emblematico