in

“Questa Europa è morta, è chiaro. Ecco perché alcuni uomini politici…”

Analisi e citazioni di Lorenzo Borrè

«Ai vari appuntamenti elettorali, in momenti di estrema confusione tra destra e sinistra liberali, per riuscire a essere votati, i partigiani di quest’Europa del mercato avevano promesso l’occupazione piena, l’amicizia tra i popoli, il cosmopolitismo felice, il regno della pace e la crescita assicurata; da quasi un quarto di secolo, dal momento in cui cioè quest’ideologia si trova al potere senza un contropotere degno di questo nome, ha prodotto invece disoccupazione di massa, crescita della xenofobia, multiculturalismo nichilista, guerre e terrorismo, un’economia impotente di fronte alle sfide mondiali. Questa Europa è morta, è chiaro. Ecco perché alcuni uomini politici cercano di costruirla… Il pensiero giudaico-cristiano non è più la ricetta vincente nei paesi in cui domina da secoli. In questa Europa liberale, sono sempre più numerose le idee, e poi le leggi, che si liberano totalmente dall’ideologia cristiana: distinzione tra sessualità e procreazione, tra amore e famiglia; libero accesso alla contraccezione farmaceutica; depenalizzazione, liberalizzazione e rimborso dell’aborto da parte della previdenza sociale; semplificazione e banalizzazione del divorzio; legalizzazione del matrimonio omosessuale; possibilità di adottare bambini da parte di genitori dello stesso sesso; tolleranza della maternità surrogata praticata all’estero ma convalidata dalla legge europea; trasformazione del corpo umano in mercanzia[…]. L’Europa è disponibile, se non addirittura in vendita. » Michel Onfray

NO al Green Pass! Docenti, personale scolastico e studenti, ecco le armi legali per difendersi

“Favorirà l’emergere di nuove varianti”: l’allarme dell’Oms